Bambino suicida a Napoli, parla l'esperto «Attenzione al tempo che i bambini passano in Rete. Navigano anche di notte»

Giovedì 1 Ottobre 2020 di Valeria Arnaldi

Guido Orsi, criminologo e psicologo Ordine Psicologi del Lazio, è davvero possibile che tramite i social si spinga un bambino a togliersi la vita?
«Stiamo parlando di un undicenne e, a quell’età, si è più facilmente coinvolgibili dal punto di vista emotivo e non si hanno ancora tutte le capacità per comprendere pienamente certe situazioni. I siti esca giocano proprio sulla componente emozionale».

Leggi anche > Napoli choc, a 11 anni si lancia dal balcone: ipotesi "gioco suicida". L'ultimo messaggio: «Devo seguire l'uomo nero»

Ci sono segnali che possono indicare una situazione a rischio?
«Il primo è sicuramente il tempo trascorso in Rete. I genitori dovrebbero sempre tenerlo sotto controllo, specie di notte. Si sottovaluta la navigazione attraverso i telefonini, eppure è proprio via cellulare che molti adolescenti stanno in Rete fino a tardi. L’età li rende più suggestionabili. La stanchezza abbassa le difese. Perdono la cognizione del tempo e di quello che stanno facendo. A questo indicatore, si aggiungono il nervosismo e la “corsa” al web appena finito di mangiare. Sono sintomi di dipendenza».
Ha detto che si può perdere la cognizione di ciò che si sta facendo: ci si può anche gettare da un palazzo credendo non sia reale?
«Purtroppo sì, si può entrare in una situazione dissociativa e si può non essere in grado di capire ciò che sta accadendo».

Leggi anche > Chi è Jonathan Galindo: il nuovo gioco social che potrebbe aver spinto al suicidio un bambino di 11 anni 

Ultimo aggiornamento: 08:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA