Venezia, le dighe del Mose salgono per la prima volta contro l'acqua alta: piazza San Marco resta asciutta

Sabato 3 Ottobre 2020

Sono già emerse dall'acqua le barriere del Mose, che oggi si è alzato per la prima volta a proteggere Venezia dal'alta marea. Le 58 paratie si sono sollevate in un'ora e 17 minuti. L'inizio delle operazioni - secondo quanto riferito dal Consorzio venezia Nuova e dal Comune - è avvenuto alle ore 8.35 e si è completato alle 9.52.

Il Mose è chiuso, e dentro la Laguna di Venezia la marea non sta crescendo. Lo comunica il Centro maree del Comune. Alle ore 10.00 sono stati misurati alla Diga Sud del Lido 119 centimetri, a Punta Salute, dove si registra il 'medio mare' 69. «Il test è andato bene», dice il Provveditore alle opere pubbliche Cinzia Zincone. «Si apprezza una consistente differenza - spiega - di altezza dell'acqua tra la parte difesa dal Mose e quella che non lo è». Un test giudicato positivamente: «non filtra acqua» conclude Zincone.
 

 

L'arrivo della perturbazione è in ritardo rispetto ai tempi previsti, ma le condizioni meteo-marine stanno peggiorando. Su Venezia spira uno scirocco a 30-40 km/h. Il Centro maree del Comune ha rivisto la previsione del picco di acqua alta a 125 centimetri, rispetto ai 130 iniziali, verso mezzogiorno. Il sollevamento del Mose dovrebbe completarsi molto prima, per impedire al colmo di marea di entrare in città.
 

 

Ultimo aggiornamento: 13:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA