Agguato a un 17enne, è gravissimo: colpito alla testa da un proiettile. «Possibile movente passionale»

L'agguato a Noto, il colpo da distanza ravvicinata. Il giovane non aveva precedenti

Ragazzino colpito alla testa da un proiettile: è gravissimo in ospedale. Era in auto con i genitori
Ragazzino colpito alla testa da un proiettile: è gravissimo in ospedale. Era in auto con i genitori
3 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Dicembre 2021, 09:39 - Ultimo aggiornamento: 11:45

Un ragazzo di 17 anni è stato ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Garibaldi di Catania, in terapia intensiva, dopo essere stato colpito da un proiettile di una pistola alla testa. I fatti si sono svolti a Noto (Siracusa) e secondo una prima ricostruzione il giovane si trovava in auto con uno zio.

Leggi anche> Romina, ex pallavolista muore sul campo da padel: malore improvviso davanti agli amici

Storie italiane: «Colpito da distanza ravvicinata»

A Storie Italiane Eleonora Daniele si collega con l'inviata del Tg Regionale di Sicilia che spiega che il giovane, originario di Avola, si sarebbe recato a Noto con lo zio per incontrare altri camminanti. La vittima, infatti, apparterrebbe al gruppo nomade siciliano ed era in auto con suo zio. Subito dopo essere stato raggiunto dal proiettile è stato portato al pronto soccorso di Noto, ma trasferito subito dopo a Catania e ricoverato in rianimazione per le gravissime condizioni in cui versa. Il proiettile sarebbe entrato ed uscito dalla testa, ma le sue condizioni sono comunque molto grave a causa della fore emorragia cerebrale scatenata dall'esplosione. 

Secondo una prima ricostruzione dei medici, stando a quanto riporta l'inviata del Tg, il 17enne sarebbe stato colpito da un proiettile alla testa nella parte occipitale e il colpo sarebbe stato sparato da distanza ravvicinata. Si tende ad escludere quindi l'ipotesi di un incidente e si sta valutando invece quella di un agguato, ma non si esclude un possibile movente passionale. Il giovane comunque non aveva precedenti penali. Gli investigatori stanno interrogando i testimoni ed hanno raccolto le immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA