Migranti, Musumeci (Sicilia): «Se mia ordinanza non sarà attuata vado dalla magistratura»

Lunedì 24 Agosto 2020
Nello Musumeci

«Aspettiamo la mezzanotte: se i soggetti che sono chiamati a dare attuazione alla mia ordinanza non dovessero farlo a noi rimane solo una strada: rivolgerci alla magistratura. Ci troveremmo di fronte a una palese omissione, con tutto quello che determinerebbe in un contesto di epidemia». Così il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, rispondendo ai cronisti a Catania.

Musumeci ha aggiunto «Se il governo dovesse impugnare l'ordinanza, fino ad ora non l'ha fatto, faremo valere le nostre ragioni nelle sedi opportune». «Se invece il governo dovesse venire incontro alla nostra legittima richiesta può chiederci 2-5-8 giorni di tempo per ricollocare i migranti e mettere i sigilli negli hotspot e in tutti centri di accoglienza (se non lo fa lo faremo noi) dell'isola con buona pace di un certo buonismo ipocrita: cosi chiudiamo una pagina indecorosa, perché la gente non ne può più», ha proseguito.

E ancora: «Il governo centrale la smetta di mostrare i muscoli e faccia il proprio dovere, che finora non ha fatto del tutto. Noi andremo avanti. No al un politica di bassa cucina e a campagna elettorale su questa materia. Ho il dovere di tutelare la salute della gente che sta sull'isola». 
 

«Una task force è a lavoro per verificare le condizioni di sicurezza dei centri di accoglienza, degli hotspot per i migranti, i numeri e le presenze in questi centri. Per verificare se ci siano le condizioni sanitarie adeguate per contenere il contagio da Coronavirus». Lo ha annunciato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, oggi a Catania, parlando del gruppo di esperti già a lavoro nei centri per migranti dell'Isola. 

 

Sos Mediterranneé: «Da musumeci forte provocazione»

«L'ordinanza di chiusura degli hotspot siciliani firmata dal presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci è una provocazione perché tratta di un terreno che non è di sua competenza. Ma è anche un messaggio politico forte a Roma e all'Europa affinché il baricentro della soluzione alla crisi migratoria si sposti nel cuore dell'Europa. La soluzione può arrivare solo dall'Europa». Ad affermarlo all'Adnkronos è la direttrice generale di Sos Mediterrannée Italia, Valeria Taurino commentando l'iniziativa del presidente della Regione Sicilia. «La soluzione ideale è un programma di ricerca e soccorso a guida europea che deve avere come obiettivo di proteggere le vite umani ed evitare i dispersi in mare. È la stessa cosa che le agenzie dell'Onu chiedono da anni», sottolinea.

«La crisi migratoria deve tornare a essere una priorità nell'agenda europea. L'Europa deve agire. Non possiamo continuare a perdere vite umani in mare. È una situazione intollerabile», aggiunge. Il messaggio di Musumeci, rileva Taurino, «è molto forte e personalmente lo considero come un grido disperato di aiuto e che non deve rimanere inascoltato. La Sicilia, ancora una volta, si trova a compiere uno sforzo eccezionale. Tutte le strutture e gli hot spot sono bene oltre il limite della capienza. È un reale problema». Tuttavia, aggiunge la direttrice generale di Sos Mediterrannée Italia, «non è con un provvedimento di questo tipo che si risolve la crisi migratoria. Probabilmente potrebbe ridurre il numero di arrivi in Italia ma non certo il numero di morti nel mediterraneo. I numeri di morti sono agghiaccianti e intollerabili e l'Europa deve agire predisponendo un programma di ricerca e soccorso».

Ultimo aggiornamento: 13:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA