Messina, studentessa di Medicina strangolata dal fidanzato. «Venite l'ho uccisa». Poi tenta il suicidio

Martedì 31 Marzo 2020
Strangola la fidanzata e chiama i carabinieri: «Venite l'ho uccisa». Poi tenta il suicidio

Una studentessa di Medicina, Lorena Quaranta, è stata strangolata dal suo compagno, Antonio De Pace, che ha poi chiamato i carabinieri in stato confusionale per avvertirli di quanto aveva fatto. È successo questa mattina a Furci Siculo, in provincia di Messina: la vittima era originaria di Favara (Agrigento) ma studiava a Messina, mentre De Pace, anche lui studente di Medicina, è calabrese di Vibo Valentia.

Leggi anche > Perde il lavoro per il coronavirus, ragazzo suicida a 29 anni




Il delitto è avvenuto alla fine di una lite violenta: prima di chiamare i carabinieri l'uomo avrebbe cercato di suicidarsi tagliandosi le vene, ma l'arrivo dei militari gli ha salvato la vita. Gli inquirenti lo stanno interrogando. Sul posto investigatori e medico legale. La Procura di Messina ha aperto una inchiesta coordinata dal Procuratore Maurizio de Lucia.
 

 


Ultimo aggiornamento: 12:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA