Mattia, il 18enne che ha sconfitto il covid all'esame di maturità: «Ho portato Ungaretti, un poeta che come me non ha mai perso la speranza»

Venerdì 26 Giugno 2020 di Alessia Strinati
Ha sconfitto il covid, nonostante le sue condizioni fossero gravi a soli 18 anni, e oggi Mattia Guarneri, ha superato anche l'esame di maturità. Il 18enne cremonese ha lasciato l'Italia con il fiato sospeso dopo essere stato ricoverato per diverse settimane in terapia intensiva dopo aver contratto il coronavirus.

Leggi anche > Scuola, per il ritorno in classe le Regioni bocciano Azzolina: «Servono fondi». Prof in piazza



L'ultimo messaggio prima del coma è stato per la madre, alla quale aveva scritto che non l'avrebbe lasciata sola, e così è stato. Mattia si è svegliato, è guarito, è andato avanti e ora, dopo mesi dalla sua malattia, ha sostenuto l'esame di maturità insieme agli altri compagni dell’Istituto di Istruzione Superiore Torriani di Cremona. La sua tesina è partita dall’elettrotecnica, per poi arrivare a Italiano, con una riflessione su Giuseppe Ungaretti: «un poeta in cui mi identifico», ha affermato  a La Provincia di Crema, «perché ha saputo reagire alle disavventure e alle disgrazie della vita senza mai perdere la speranza».

Mattia la speranza non l'ha mai persa, nemmeno quando la terribile malattia che sta mettendo in ginocchio tutto il mondo, lo ha aggredito in modo violento nonostante la sua giovanissima età:  «Io mi sento come il lupo di mare di ‘Allegria di naufragi’, che ritorna alla vita come un superstite», ha aggiunto. Oggi il 18enne ha affermato di essere in gradi di riconoscere gli aspetti positivi che ha avuto il covid su di lui, come la capacità di conoscere e riconoscere le cose che contano veramente nella vita e i valori importanti. Ora aspetta l'esito degli esami.  © RIPRODUZIONE RISERVATA