Mascherine obbligatorie all'aperto, i sindaci al governo: «In tutte le città fino al 15 gennaio»

Martedì 30 Novembre 2021 di Alessandra Severini

Le feste di Natale alle porte, la scoperta della nuova variante Omicron, la nuova corsa dei contagi. Lo spettro di nuove restrizioni si fa sempre più vicino e i sindaci esortano a correre ai ripari prima che sia tardi. L'Anci ha chiesto al governo di valutare l'opportunità di rendere obbligatorio l'uso della mascherina all'aperto su tutto il territorio nazionale dal 6 dicembre al 15 gennaio.

 

Nuova variante dal Sudafrica, cosa dicono gli esperti: da Galli a Burioni, Bassetti e Andreoni


In verità molti sindaci si sono già mossi. A Milano Sala ha imposto l'obbligo di mascherina nel centro, la zona più frequentata per lo shopping. E molte altre città hanno preso provvedimenti analoghi. A Cremona il sindaco ha imposto l'obbligo di mascherina all'aperto in tutto il centro storico dal 1 dicembre al 15 gennaio, dalle 10 alle 22, a Verona vige già da una settimana nelle tre piazze più frequentate all'ora dell'aperitivo, a Viareggio scatterà il 4 dicembre, a Taormina anche. Per evitare però una giungla di regole diverse da Comune a Comune, il presidente dell'Anci Decaro ha spiegato che sarebbe più opportuno «un provvedimento nazionale che darebbe un segnale unico a tutto il Paese. Usare la mascherina anche all'aperto significa abbattere almeno del 50% la possibilità di diffondere il virus». Sull'organizzazione dei concerti di Capodanno in piazza, Decaro ha detto che «ad oggi ogni sindaco fa le sue valutazioni, non so se ci saranno delle indicazioni nazionali, ma credo che si fa un concerto è opportuno limitare l'assembramento attraverso alcune regole come il controllo, il contingentamento, la possibilità di stare seduti».

 


Intanto in Friuli Venezia Giulia già da ieri è scattata la zona gialla. Mascherine necessarie anche all'aperto e super green pass per accedere ad alcuni servizi ludici e ricreativi. Primo giorno caratterizzato da un po' di confusione: il prefetto di Trieste è dovuto intervenire per chiarire che nei bar chiunque può consumare al banco senza obbligo di esibire alcun documento.

Ultimo aggiornamento: 12:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA