Marmolada, l'ultimo selfie alla famiglia e poi il dramma: Filippo Bari aveva 27 anni

"Guardate dove sono!", ha scritto al fratello e ai genitori, poi più nulla: "La Marmolada se l'è preso", racconta il sindaco di Isola Vincentina

Ultimo selfie alla famiglia, poi la morte: il 27enne Filippo Bari tra le vittime della Marmolada
Ultimo selfie alla famiglia, poi la morte: il 27enne Filippo Bari tra le vittime della Marmolada
3 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Luglio 2022, 15:56 - Ultimo aggiornamento: 5 Luglio, 11:00

Nella tragedia della Marmolada ci sarebbero anche quattro alpinisti di Vicenza tra i dispersi. Si tratta di tre escursionisti, appartenenti alla sezione Cai di Malo, e una guida. Di uno di loro, Filippo Bari, 27 anni, è comparso in queste ore sui social un selfie che riprende il giovane ieri sulla vetta della Marmolada, prima del crollo del seracco.

Leggi anche > Marmolada, il bilancio si aggrava: 7 morti. Chi sono i 19 dispersi, 11 italiani e 8 stranieri

 

Il fratello Andrea e la compagna hanno sperato per l'intera nottata e gran parte della mattinata ma, alla fine, la notizia terribile è arrivata: Filippo Bari, 27 anni, è stato ritrovato morto. La Marmolada lo ha portato via per sempre. E di lui rimarrà sempre un ultimo ricordo: un selfie scattato a poche ore dal disastro. Proprio ieri aveva mandato la foto ai genitori e al fratello: «Guardate dove sono!», ha scritto, secondo quanto riportato da La Stampa. Poi più nulla. 

Era salito sulla Marmolada con un gruppo di amici. Alpinista esperto, quei luoghi li conosceva bene: avrebbe dovuto fare la cordata sabato, ma all'ultimo aveva scelto di aggregarsi al gruppo di domenica. Residente a Malo, nel vicentino, con la compagna e il figlio di 4 anni Filippo lascia i genitori e il fratello. A dare la notizia della morte del giovane il sindaco Francesco Gonzo che su Facebook ha scritto: «Filippo è scivolato via, la Marmolada se l'è tenuto con sé. Isola Vicentina si stringe attorno a mamma Emanuela, papà Beppe, all'amato fratello Andrea, alla compagna, al figlio e alla famiglia tutta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA