Marmolada, l'escursionista Sonia salva per miracolo: «Sono tornata indietro perché il ghiaccio era pessimo»

Marmolada, l'escursionista Sonia salva per miracolo: «Sono tornata indietro perché il ghiaccio era pessimo»
Marmolada, l'escursionista Sonia salva per miracolo: «Sono tornata indietro perché il ghiaccio era pessimo»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Luglio 2022, 17:51

Doveva esserci anche lei sulla Marmolada ieri, quando un seracco di ghiaccio si è staccato dalla cima travolgendo due gruppi di escursionisti: diverse le vittime 7 per ora, ma il bilancio potrebbe aggravarsi perché i dispersi sono ancora tanti. Sonia Bonizzi però, pur essendo andata ad Alba di Canazei con quelle intenzioni, all'ultimo momento aveva deciso di non salire: «Oggi devo ringraziare il mio angelo custode», ha poi scritto su Facebook, spiegando che le temperature troppo alte le avevano sconsigliato di iniziare quella escursione.

Marmolada, la strage si poteva evitare? Cosa è (realmente) successo e perché

Intervistata dal quotidiano Il Gazzettino, Sonia spiega meglio la sua scelta. «Già dal parcheggio, ad Alba di Canazei, si notavano le condizioni del ghiaccio - dice - Un ghiaccio come mai si era visto prima. Non almeno in questa parte dell'anno. Di solito appare in questo modo a fine stagione». «Guardando in alto, anche dopo la tragedia, la parte destra sembra poter venir giù. Infatti hanno chiuso tutto. Lo scorcio che si vede, in cima, è impressionante».

Marmolada, il bilancio si aggrava: 7 morti. Chi sono i 19 dispersi, 11 italiani e 8 stranieri

Sonia racconta di aver deciso di andare verso Pian Fiacconi, e di essere poi scesa verso valle intorno alle 14. «Subito ho visto gli elicotteri. Tanti elicotteri. Ho pensato che potesse essere accaduto qualcosa di veramente brutto - racconta ancora al Gazzettino - Quando ho raggiunto il Rifugio Ciampac ci hanno detto se avevamo sentito cos'era accaduto». La donna però non spiega chi è l'angelo custode che l'ha salvata, come ha scritto sui social: «Non posso che ripetere quanto ho scritto su Facebook, non mi va di parlarne troppo. Posso solo ringraziare il mio angelo custode».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA