Mantova, insegnante non indossa la mascherina in classe: «L'obbligo come le leggi del Fascismo». Segnalata alle forze l'orrdine

Mercoledì 3 Marzo 2021
«L'obbligo delle mascherine è paragonabile alle leggi razziali del Fascismo»: professore nei guai

Polemiche dopo che a Mantova un insegnante ha associato l'obbligo della mascherina alle leggi razziali del fascismo. La preside del liceo di Scienze applicate Fermi si è vista costretta a segnalare il caso alle forze dell'ordine perché il docente non indossava la mascherina in classe. Il professore è stato multato per violazione delle norme anti- Covid. Aveva detto: «L'obbligo è paragonabile alle leggi razziali del Fascismo».

 

Brescia, alunni vanno a scuola nonostante il divieto: i carabinieri li rimandano a casa

 

Leggi anche > Inchiesta sulle mascherine acquistate dalla Cina, tre arresti a Roma. Chi sono

 

Come racconta Il Corriere della Sera, Mauro Mortara, insegnante di Storia e Filosofia, non indossava mai la mascherina in classe perché, a suo dire, «l’obbligo di coprire naso e bocca è paragonabile alle leggi razziali del Ventennio fascista». L'uomo si vantava anche perché non era stato beccato da nessuno durante una gira a Milano. La preside ha scoperto tutto entrando in aula e lo ha invitato a rispettare le regole, ma inutilmente.

 

Anche i carabinieri gli hanno intimato di indossare la mascherina, ma lui ha continuato a fare la lezione senza coprire naso e bocca. Sulla bacheca Facebook di Mortara sono stati trovati diversi post con tesi complottiste e negazioniste. L'uomo contestava i dati sul contagio e le posizioni sui vaccini. 

Ultimo aggiornamento: 13:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA