Manifestazione No Green pass, convalidati arresti manifestanti. Oggi l'udienza per i militanti di Forza Nuova slitta a domani

Lunedì 11 Ottobre 2021
No Green pass, scontri durante la manifestazione a Roma

Sequestro del sito web di Forza Nuova e due fascicoli di indagine sugli scontri avvenuti sabato nel cuore della Capitale. Uno riguarda gli organizzatori del raid nella storica sede della Cgil e la sospetta regia dei tafferugli avvenuti anche a poca distanza da Palazzo Chigi, l'altra su chi ha materialmente partecipato alle violenze.

 

Affronto allo Stato: imbrattati i muri davanti al Tribunale con i nomi dei no green pass arrestati FOTO

 

In questo lunedì sono stati convalidati gli arresti di 6 manifestanti finiti in manette per gli scontri di sabato scorso a Roma: due rimangono in carcere e tre vanno ai domiciliari. Divieto di dimora nella Capitale per l'operaio di Favara (Agrigento), Calogero Russello accusato di lesioni aggravate per avere lanciato una pala in direzione di alcuni fotografi e videomaker nel corso dei tafferugli nella zona di via del Corso. E’ quanto deciso dai giudici collegiali di Roma all'udienza di convalida. Carcere per Fabio Corradetti (figlio della compagna di Giuliano Castellino) e per Iorio Pilosio.

 

 

Leggi anche > No Green pass, il poliziotto in maglia grigia ripreso negli scontri si è presentato in Questura

 

 

Arresti domiciliari per Maurizio Bortolucci e Valerio Pellegrino. Mentre per Gennaro Imperatore è stato deciso l'obbligo di firma tre volte alla settimana. Le accuse per loro sono resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Per i giudici Corradetti deve restare in carcere per avere avuto «un ruolo deciso negli scontri avvenuti nella zona di palazzo Chigi» mentre Pilosio «ha ammesso di volere occupare il Parlmento». Per i magistrati sussistono «gravi indizi di colpevolezza ed esigenze cautelari per la gravità dei fatti contestati». 

 

 

Leggi anche > No Green pass in corteo: «Voi bloccate la vita, noi la città»

 

 

È slittata a domani la convalida degli arresti per Roberto Fiore, Giuliano Castellino e Pamela Testa - rispettivamente leader nazionale, capo romano e attivista di Forza Nuova, Luigi Aronica, ex Nar, e Biagio Passaro leader del gruppo «IoApro». I magistrati contestano i reati di devastazione e saccheggio, istigazione a delinquere. In tarda serata si è appresa la notizia del sequestro del sito internet di Forza Nuova da parte della Procura per istigazione a delinquere aggravata dall'utilizzo di strumenti informatici o telematici.

Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 10:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA