Maestra vittima di revenge porn e licenziata, l'audio della preside: «La voglio mandare via con ogni pretesto, fatela sbagliare»

Martedì 15 Dicembre 2020
Maestra vittima di revenge porn e licenziata, l'audio della preside: «La voglio mandare via con ogni pretesto, fatela sbagliare»

«Fatela sbagliare, prendo ogni pretesto per mandarla via». Parlava così, in un audio inviato in chat alle altre maestre, la preside della scuola che ha licenziato la giovane insegnante di Torino, 'colpevole' di essere vittima di revenge porn. Un caso che aveva suscitato troppo scandalo e che aveva finito per colpire di nuovo la vittima.

 

Leggi anche > Rezza: «L'economia non è rallentata dalle misure restrittive ma dalla circolazione del virus»

 

Il messaggio vocale inviato dalla preside della scuola in provincia di Torino è stato fatto ascoltare oggi in tribunale, nel corso del processo a carico della dirigente scolastica. La donna, alle altre maestre, si rivolgeva in quel modo per cercare di avere il pretesto per licenziare la giovane maestra. Il caso ha fatto ovviamente molto discutere, anche se non si tratta di 'revenge porn' in senso stretto: all'epoca della diffusione delle immagini hard da parte dell'ex fidanzato, i due stavano ancora insieme.

 

Nel corso dell'udienza è stata ascoltata come testimone una seconda insegnante: alla luce dei suoi numerosi «non ricordo» sono stati letti dei passaggi della deposizione resa nel corso delle indagini preliminari: «Per quella storia la collega stava male, era sconvolta. Noi cercammo di consolarla, di starle vicino, manifestammo il nostro affetto con abbracci e pacche sulla spalla. La preside le consigliò di prendersi un periodo di riposo e la lasciò libera di decidere se dimettersi o meno. Era la nostra collega, dopo la riunione, a volersi dimettere: disse che non se la sentiva di guardare in faccia i genitori e i bambini». 

Ultimo aggiornamento: 22:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA