Lesina senza sindaco, la Lega perde anche se c'è un unico candidato

Martedì 22 Settembre 2020 di Silvia Natella
Lesina senza sindaco, la Lega perde anche se c'è un unico candidato
La cittadina di Lesina, in provincia di Foggia, è rimasta senza sindaco. Alle ultime consultazioni elettorali l'unico candidato, il leghista Primiano Di Mauro, non è stato eletto. La presenza di una sola lista, infatti, richiede il quorum del 50% che non è stato raggiunto per una sessantina di voti, 58 per la precisione. L’affluenza alle comunali è stata del 49,01% e le elezioni non sono valide. 

Leggi anche > Nicola Zingaretti "festeggia" la vittoria del Pd alle regionali con una birra al centro di Roma

Lesina è una città lagunare di seimila abitanti e dovrà essere amministrata da un commissario. Era in lizza solo una lista, la civica Lesina Azzurra, con candidato sindaco il 52enne geometra Primiano Di Mauro, già vice sindaco nella precedente amministrazione. Di Mauro è stato scelto dall'europarlamentare Massimo Casanova, amico di Matteo Salvini e patron del noto Papeete a Milano Marittima.

Il leader della Lega conosce bene Lesina perché vi ha trascorso parte delle sue vacanze l'anno scorso. Alla presentazione delle liste attorno a Di Mauro si erano concentrati entusiasmi e aspettative. «Un sindaco pugliese lo abbiamo già eletto ancor prima del confronto elettorale», ripeteva Salvini. E invece non è andata così.

«È stata una lotta dura - dice Di Mauro all'Adnkronos - solo per circa 50 voti non è stato raggiunto il quorum. Mi rattrista non aver avuto un confronto per l'incapacità di gente che non è riuscita a presentare liste e poi ha creato i comitati per il non voto. Questo è triste perché già il popolo non vede di buon occhio la politica e in questo modo si alimenta il malcontento».

L'uomo crede fortemente nella Lega al Sud. «Salvini ha a cuore tutti i suoi rappresentanti sul territorio - conclude Di Mauro - la Lega è una grande famiglia e quando c'è da spendersi Matteo c'è sempre. Il progetto politico andrà avanti. Il mio impegno politico è dettato solo dalla passione». «Grazie a tutti! Siete stati tantissimi e meravigliosi per averci creduto insieme a noi», ha scritto sul suo profilo Facebook. © RIPRODUZIONE RISERVATA