Imprenditore cerca 30 operai su Facebook: arrivano tremila candidature

Sabato 12 Gennaio 2019 di Elena Filini
Nereo Parisotto
«Ho scritto su fb a Nereo Parisotto, titolare di Euroedile, per un colloquio, ma non mi ha risposto». Demis Skhiff, 39 anni, carpentiere disoccupato di Udine non sa che da due giorni la Euroedile ha la posta elettronica intasata da 3000 richieste di lavoro. «Dal nulla al tutto. Ho risposto a 600 persone, ma non riesco a starci dietro. E durante il giorno noi dovremmo anche lavorare per onorare le commesse». Parisotto si dice stupefatto: il tam tam mediatico suscitato dalla sua richiesta di personale ha sorpreso tutti. Nell'azienda di Postioma le segretarie sono sottoposte agli straordinari.

Imprenditore cerca 30 operai ma ne trova solo 7: «Stipendio da 1800 euro, ma non vogliono fare trasferte (pagate)»



«Ho dovuto dirottare 6 persone al centralino da due giorni. E ancora non riusciamo a rispondere a tutte le chiamate». La fame di lavoro, evidentemente, esiste. Come esistono le persone disposte a trasferte e impegno. «Sono felice che sia tanta la gente che ha voglia di darsi da fare -prosegue Parisotto- è un'ottima notizia. Ora tutte le persone che ci hanno scritto devono avere un po' di pazienza. Risponderemo ad ognuno. Chi non ha ancora inviato il suo curriculum però non lo faccia ora e non lo faccia per mail. La casella di posta elettronica dell'azienda è bloccata».
 
VALANGA DI RISPOSTEHa fatto discutere tutta Italia la vicenda dell'imprenditore di Postioma di Paese che, sfiancato dalla mancanza di personale, ha iniziato a martellare fb di post. «Per fortuna l'abbiamo fatto: siamo riusciti a recuperare 7 assunzioni nell'arco di 6 giorni». Il 3 gennaio scorso, Euroedile, società leader nel campo dei ponteggi, con un post su Facebook annunciava di essere alla ricerca di 30 persone. Nell'arco di 6 giorni hanno risposto in 15. Otto da fuori regione e comunque non disposti a trasferirsi; gli altri 7 della zona, e con disponibilità a fare trasferte, sono stati assunti. Tra loro, anche un ragazzo albanese che era venuto a Postioma a trovare i famigliari per le feste di Natale. Ma i cantieri richiedono ancora 25 figure. Così Parisotto ha affidato il suo appello ai giornali. Ed ecco che in molti hanno deciso di contattare l'azienda. «Quando ho visto il servizio- spiega Alessia Angelica Squizzato- ho subito scritto al signor Nereo perchè facesse un colloquio al mio compagno e a suo fratello, entrambi al momento senza lavoro». Così Demis Skhiff, 39 anni, operario di Udine ha inviato i suoi numeri a Parisotto. «Purtroppo al momento non abbiamo ottenuto risposta- prosegue Skhiff- tengo a precisare che sono disposto a trasferirmi, sono disposto a fare trasferte e in parte conosco il lavoro. L'unico handicap è che non ho la patente. Ma esistono i treni e i mezzi pubblici». Di fronte alla richiesta dei fratelli friulani, Parisotto chiede solo un po' di tempo per orientarsi. «Ho iniziato a rispondere anche su Facebook ma abbiamo davvero troppe richieste. Se però lasciano i loro recapiti verranno contattati non appena possibile».
LA STORIAEsperta nella realizzazione di ciò che per altri potrebbe sembrare impossibile, Euroedile, nel corso degli ultimi 15 anni, ha realizzato i ponteggi per 456 viadotti con un'altezza media di 80 metri. Strutture realizzate con materiali e tecniche di costruzione tra le più innovative. Senza capitale umano però è difficile mantenere uno standard adeguato. «È un problema che riguarda l'intero settore. Noi siamo la punta dell'iceberg. Per questo ci candidiamo a realizzare una vera e propria Academy per ponteggiatori esperti. Una scuola, aperta a chiunque desideri imparare un mestiere che è molto richiesto ma che necessita di un'accurata formazione che noi siamo in grado di dare. Nel frattempo ci auguriamo che i nuovi assunti imparino presto». Interessante anche l'inquadramento contrattuale previsto dal contratto nazionale di lavoro metalmeccanici con l'aggiunta di plus legati alla sicurezza, alla capacità, al merito, alla disponibilità, alla gestione dell'attrezzatura in dotazione e alla serietà. «I nostri dipendenti appena assunti arrivano a percepire, anche grazie a questi plus, quasi 2000 euro al mese. E, con un minimo di anzianità, si sale a 3000 in breve».
I NUOVI ASSUNTII sette nuovi assunti dalla ditta sono italiani e stranieri. «Le agenzie di collocamento ormai sono un concetto superato- ribadisce il patron- il web ci sta dando le risposte che cercavamo». Pure troppo, a giudicare dalla mole di curriculum da vagliare. «Si è un impegno notevole, ma certi profili potranno anche essere posti all'attenzione di altre aziende del settore. Nel lavoro, il movimento è sempre un bene. L'unico problema è che per far fronte ad una risposta del genere c'è bisogno di tempo». Nereo Parisotto sembra insomma destinato a risolvere a breve i suoi problemi di carenza di personale. E anche a ricredersi sullo spirito di sacrificio dei giovani italiani e stranieri.    Ultimo aggiornamento: 15:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA