Laura Leonardo, no vax morta a 61 anni: il dolore degli amici

La donna aveva deciso di non vaccinarsi e seguire invece delle cure alternative

Laura Leonardo, no vax morta a 61 anni: il dolore degli amici
3 Minuti di Lettura
Lunedì 31 Gennaio 2022, 16:57 - Ultimo aggiornamento: 17:25

Non ce l'ha fatta Laura Leonardo, 61enne di Palermo, non vaccinata, morta venerdì sera di Covid in ospedale dove era stata ricoverata in gravissime condizioni. La donna bionda, elegante, piena di charme e bellezza tanto da meritare per gli amici l'appellativo di Virna Lisi palermitana, aveva deciso di non vaccinarsi e seguire invece delle cure alternative. All'arrivo in ospedale le sue condizioni sono subito apparse molto gravi ed è stata trasferita in terapia intensiva dove i medici hanno tentato in ogni modo di salvarla, senza però riuscirci.

Delle sue posizioni no vax Laura Leonardo non faceva mistero, con gli amici e sui social: «Le battaglie di oggi non sono contro il vaccino, sono per la libertà» scriveva su Facebook e ancora «Se un bambino è sano non vedo la necessità di vaccinarlo». 

Leggi anche > Esasperata dalla figlia no vax in smart working, la prende a martellate: «Volevo ucciderla»

Proprio sui social gli amici hanno manifestato il proprio dolore per la sua morte. Ecco cosa scrive l'amico Gianfranco Conti: «Laura Leonardo era una mia cara amica, una di quelle con cui ho riso, ballato, scherzato, litigato tante volte e fatto pace altrettante. Laura era una persona di una bellezza disarmante e di una intelligenza viva. I nostri litigi erano solo sulla medicina e sui vaccini. Io mi divertivo a prenderla in giro e le mi triturava i zebedei con le sue teorie sulla medicina che a me sembravano totalmente insensate. Ci mandavamo spesso a quel paese, per poi fare pace a suon di pizzicotti».

«Solo stasera ho appreso che Laura non c'è più, morta di Covid in quanto non vaccinata e no vax convinta. Io sono incazzato, mi sento frustrato e demoralizzato. Provo una serie di sensazioni che non riesco ancora a metabolizzare - scrive - che adesso non ci sei più e ti darei tanti di quei "pizzicotti" che metà basta. Un giorno ti verrò a cercare e ti chiederò tante cose e poi faremo pace come sempre. Fai buon viaggio amica mia, sai che ti ho voluto sempre bene».

© RIPRODUZIONE RISERVATA