Lago di Garda, travolti in barca da un motoscafo: Umberto aveva 37 anni, Greta 25. Indagati due turisti tedeschi

Domenica 20 Giugno 2021
Lago di Garda, travolti in barca da un motoscafo: Umberto aveva 37 anni, Greta 25. Indagati due turisti tedeschi

Ci sono anche due turisti tedeschi indagati per omicidio colposo e omissione di soccorso dopo l'incidente in barca avvenuto questa notte a Salò, sul lago di Garda. I due turisti, denunciati a piede libero, erano a bordo del motoscafo che ha travolto la barca dove si trovava il 37enne Umberto Garzarella, morto sul colpo e ritrovato cadavere all'alba, insieme a Greta Nedrotti, 25enne di Toscolano Maderno, ritrovata in fondo al lago solo nel tardo pomeriggio.

 

 

 

La giovane è stata trovata, a quasi 100 metri di profondità, con le gambe parzialmente amputate per la violenza dell'impatto. Sotto il motoscafo dei turisti tedeschi gli inquirenti hanno isolato tracce del legno della piccola imbarcazione su cui viaggiavano la 25enne e il 37enne Umberto Garzarella, morto nell'incidente.

 

 

Il 37enne Umberto Garzarella è stato rinvenuto cadavere a bordo della barca, danneggiata e ormeggiata tra Salò e San Felice del Benaco, sulla sponda bresciana del Lago di GardaConcessionario di un centro assistenza di impianti termici, era appassionato di nautica. Aveva trascorso il pomeriggio di ieri a Sal per assistere al passaggio della Mille Miglia insieme ad un gruppo di amici.

 

Aereo precipita e si schianta vicino alle case, morto il pilota: è l'editore Egidio Gavazzi

 

I due giovani si erano avvicinati a Salò in barca nel pomeriggio di ieri insieme a un gruppo di amici per assistere al passaggio delle auto della Mille Miglia storica. Sarebbe stato individuato il motoscafo che, secondo le indagini, ha travolto l'imbarcazione senza poi fermarsi. I carabinieri stanno ascoltando le persone che erano a bordo del motoscafo noleggiato nella giornata di ieri.

 

 

 

 

I carabinieri hanno cercato e individuato il motoscafo che ha causato l'incidente della notte scorsa. Era stato noleggiato e i militari sono così riusciti a risalire all'identità dei due turisti tedeschi, ora indagati per l'accaduto. I due turisti hanno spiegato di non essersi accorti di nulla: «Era buio».

 

La Procura di Brescia, che ha disposto il sequestro del motoscafo, sta aspettando i risultati delle analisi del sangue effettuate sui tedeschi, per capire se fossero ubriachi al momento dell'incidente. Elemento, che se confermato, potrebbe appesantire la posizione dei due turisti che frequenterebbe da tempo il Lago di Garda. Sono stati denunciati: la normativa sull'omicidio stradale - che prevede l'arresto in caso di aggravante come la fuga e l'omissione di soccorso - non può infatti essere estesa alla circolazione nautica e sul punto per il magistrato titolare dell'inchiesta ci sarebbero in questa fase pochi margini per emettere un provvedimento di fermo.

Ultimo aggiornamento: 21 Giugno, 13:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA