Incidente nel bresciano, chi erano le vittime: nessuno aveva la patente. Lo schianto con l'auto di un amico

I cinque ragazzi morti nello schianto erano partiti dalla Val Sabbia ed erano diretti a Brescia per passare il sabato sera

Lunedì 24 Gennaio 2022 di Enrico Chillè
Incidente nel bresciano, chi erano le vittime: nessuno aveva la patente, lo schianto con l'auto prestata da un amico

Nessuno dei cinque ragazzi morti nell'incidente stradale a Rezzato (Brescia) aveva la patente. A guidare l'auto, prestata da un amico, era il 22enne Nadiq Salah, il più grande del gruppo. Lo ha confermato il padre del ragazzo.

 

Il sociologo Crepet: «Figli di un'anoressia emotiva che la pandemia ha acuito»

 

Brescia, chi erano i cinque ragazzi morti nell'incidente

Stavano andando a Brescia per passare la serata in un locale, ma hanno trovato la morte schiantandosi in auto contro un pullman. Le vittime sono cinque ragazzi, tutti giovanissimi: i ventenni Dennis Guerra, El Harram Imad e Nadiq Imad, il 22enne Nadiq Salah e la 17enne Irene Sala.
Lo schianto è avvenuto poco dopo le 23 di sabato sera, lungo la strada provinciale 45bis, nel territorio comunale di Rezzato. I cinque ragazzi, residenti in vari Comuni della Val Sabbia, sono morti tutti sul colpo. L'autista del pullman, rimasto illeso ma sotto choc dopo il frontale, ha subito chiamato i soccorsi e ha spiegato di non essere riuscito a schivare l'auto, che aveva invaso la corsia opposta all'improvviso. La vettura era stata prestata ai ragazzi da un amico.
Il padre di Natiq Salah, al Giornale di Brescia, ha spiegato: «Mio figlio non aveva la patente, nemmeno suo cugino che era a bordo dell'auto e anche il terzo amico marocchino». Dennis Guerra, che non aveva ancora compiuto 20 anni, nel 2007 aveva perso un cugino di 18 anni, morto anche lui in un incidente stradale.

 

 

 


Gli altri incidenti delle ultime settimane


Nel giro di due settimane, sono tantissimi i tragici incidenti stradali che in tutta Italia hanno visto spezzarsi giovanissime vite. Nella notte tra lunedì 10 e martedì 11, in provincia di Piacenza, erano morti quattro ragazzi, dopo che la loro auto era finita nel fiume Trebbia: Elisa Bricchi, Domenico Di Canio, Costantino Merlo e William Pagani avevano tra i 20 e i 23 anni. Sabato 15 era invece morto a Castions di Strada (Udine), in un incidente mentre faceva motocross, il 16enne Federico Codarini. Poche ore dopo, a Torrechiara (Parma), l'incidente tra due auto risultato fatale per Josef Venturini, Martina Karakach e Renat Tonu (rispettivamente di 18, 17 e 21 anni).

 

Nella mattina di venerdì scorso, a Vermezzo (Milano), dopo uno schianto tra una moto e un'auto, è morto Giuseppe Galbiati, 29enne centauro di Buccinasco. Nella notte tra venerdì e sabato, invece, a Pisticci (Matera) sono morti tre ragazzi dopo che la Mini Cooper su cui viaggiavano era finita in una scarpata: Lucio Lopatriello e Simone Andriulli avevano 21 anni, Luciano Carone uno meno di loro. Nelle stesse ore, a Roma, un'auto con a bordo cinque ragazzi si è schiantata contro un albero: Casal Palocco ora piange la tragica morte di Edoardo Divino, appena 17enne.

Ultimo aggiornamento: 13:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA