«I termoscanner danneggiano il cervello e cancellano la memoria», la bufala sul web smentita dai medici

Giovedì 29 Ottobre 2020
«I termoscanner danneggiano il cervello e cancellano la memoria», la bufala sul web smentita dai medici

«I termoscanner danneggiano il cervello causando la perdita della memoria». Questa l'ennesima bufala diffusa sul web, tra ambienti 'complottisti', 'no mask' e 'Qanon', e prontamente smentita con i fatti dalla Federazione nazionale degli Ordini dei Medici (Fnomceo).

 

Leggi anche > Covid, l'Italia verso lo scenario 4: il più grave. Cosa può succedere

 

Sul portale anti-fake news 'Dottore ma è vero che', i medici italiani hanno deciso di smentire l'ennesima bufala, svelata, secondo chi l'ha ampiamente diffusa, da una presunta e sedicente infermiera australiana. Sotto accusa gli infrarossi dei termometri, che però non emettono alcuna radiazione e si limitano a catturare le lunghezze d'onda dal corpo per misurare la temperatura.

 

«Ogni corpo emette radiazioni elettromagnetiche e la quantità di radiazioni emesse è direttamente proporzionale alla temperatura del corpo elevata alla quarta, secondo la legge di Stefan-Boltzmann. Di conseguenza, più un corpo è caldo, più radiazioni emette. Tutto ciò che ci serve quindi è uno strumento che misuri la quantità di radiazioni infrarosse emesse dal corpo del passeggero: chi ha la febbre infatti emette più radiazioni". "Queste onde, una volta convogliate su lenti ottiche, vengono convertite in un segnale elettrico e attraverso un processore vengono tradotte in numeri, che l'operatore può leggere facilmente sullo schermo» - si legge ancora nel post - «Non sono pericolosi per la salute, non cancellano la memoria, non danneggiano né uccidono neuroni poiché questi dispositivi misurano gli infrarossi anziché emetterli, e la persona la cui temperatura viene misurata non è soggetta a radiazioni infrarosse extra", come rassicura Rachael Krishna su Full Fact, un ente britannico che si occupa di controllare l'attendibilità delle notizie che circolano su Internet. "La luce rossa vista su questi dispositivi è proprio questo, un fascio di luce per aiutare l’operatore a prendere correttamente la mira».

 

Nella fake news diffusa sul web si spiegava che i termoscanner agirebbero direttamente sulla ghiandola pineale che si trova nel cervello. Niente di più falso, spiega ancora il sito della Fnomceo: «I termometri a infrarossi e termoscanner non trasmettono onde nel corpo. C'è quella sensazione che in qualche modo si stia inviando qualcosa che poi deve tornare indietro, ma niente di tutto questo è vero. Si tratta solo di un ricevitore che sta catturando onde luminose».

© RIPRODUZIONE RISERVATA