Covid, le Regioni chiedono il doppio green pass: cosa cambia tra vaccinati e non

Covid, le Regioni chiedono il doppio green pass: cosa cambia tra vaccinati e non
3 Minuti di Lettura
Venerdì 19 Novembre 2021, 15:29 - Ultimo aggiornamento: 20 Novembre, 07:46

Le Regioni chiedono una stretta sul green pass per avere misure più severe per i non vaccinati ed evitare le chiusure. Le Regioni insistono sulla necessità di un cambio di passo nella lotta al Covid e chiedono una "riflessione urgentissima" con il governo alla luce dell'aumento dei casi, per salvare il Natale ed evitare le restrizioni e chiusure previste per le zone gialle o arancioni.

Leggi anche > Austria, lockdown totale e dal 1° febbraio obbligo vaccinale per tutti. E la Baviera chiude i mercatini di Natale

Una richiesta che il governo si dice disponibile ad accogliere "a breve", forse già lunedì, anche se la linea di palazzo Chigi al momento non cambia: le uniche misure sul tavolo sono l'estensione dell'obbligo della terza dose al personale sanitario e la riduzione della durata del certificato verde, provvedimenti che il Consiglio dei ministri dovrebbe discutere nella riunione di giovedì prossimo.

 

"Non utilizzare delle strategie di rafforzamento del Green Pass" significa "aprire il forno e far implodere il soufflé", secondo il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta. "Ma un green pass rafforzato deve colpire soprattutto i non vaccinati, gli irriducibili che devono essere reclusi ed esclusi dalla vita collettiva e dall'economia" ha aggiunto: "Mi impegno ha sostenere questo in Cdm.

DOPPIO GREEN PASS

A tal riguardo la proposta delle Regioni è quella di adottare due green pass: uno, solo per vaccinati e guariti, che permette di andare al ristorante, al cinema, al museo o allo stadio indipendentemente dal colore che potrebbe avere la Regione in base al numero dei contagi e dei ricoveri. Poi un altro ottenibile solo con il tampone che consenta però soltanto di andare a lavoro, senza poter usufruire di tutti gli altri servizi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA