Barista ucciso a Barletta, fermato il presunto assassino di Giuseppe Tupputi

Nessun dettaglio da parte della Procura, con una sola, significativa eccezione: non si è trattato di una rapina finita male

Martedì 12 Aprile 2022
Barista ucciso a Barletta, fermato il presunto assassino di Giuseppe Tupputi

Barletta, fermato il presunto assassino di Giuseppe Tupputi. Lo ha confermato il procuratore di Trani, Renato Nitti. L'omicidio è avvenuto nella prima serata di ieri, nel bar Morrison's Revolution, di cui il 43enne Tupputi era titolare. Smentita l'ipotesi della rapina, il movente sarebbe una discussione all'interno del locale.

 

Leggi anche > Barletta, entrano nel bar armati e uccidono il titolare: Giuseppe Tupputi aveva 43 anni

 

L'accusa nei confronti dell'uomo arrestato questa mattina è di omicidio volontario. Nessun dettaglio rivelato da parte della Procura, con una sola, significativa eccezione: non si è trattato di una rapina finita male. Molto probabile, quindi, che possa essersi trattato di una lite o di un regolamento di conti. Secondo le prime ricostruzioni, l'arrestato è un uomo con precedenti e sottoposto a sorveglianza speciale, che proprio nei momenti dell'omicidio avrebbe dovuto presentarsi in commissariato per firmare. Stando alle prime testimonianze, l'uomo avrebbe sparato in seguito ad una lite, dopo essere stato rimproverato da Giuseppe, che lo aveva invitato a indossare la mascherina all'interno del bar. Si cerca ancora l'arma del delitto.

 

«Posso soltanto dire - ha aggiunto Nitti - che dobbiamo ringraziare la Polizia che ha consentito, nel volgere di poche ore, grazie al coordinamento del collega pubblico ministero intervenuto, di individuare quello che ragionevolmente sembra essere l'autore del fatto e di sottoporlo a fermo».

Ultimo aggiornamento: 13 Aprile, 16:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA