Oristano, trovato morto in un pozzo Giuseppe Sideri: piedi e mano legati con il fil di ferro

Gli inquirenti procederanno con gli accertamenti medico legali: domani sarà eseguita l'autopsia

Sabato 15 Gennaio 2022

Giallo sulla morte di Giuseppe Sideri, il 51enne scomparso il 2 gennaio scorso a Uras, nell'Oristanese e trovato oggi senza vita in un pozzo nelle campagne del paese. L'uomo è stato trovato con i piedi e una mano legati con del filo di ferro a cui era collegato un blocco di cemento. Lo apprende l'Ansa. L'ipotesi che si sta facendo avanti è quella del gesto volontario, ma proprio per il modo in cui è stato ritrovato il corpo gli inquirenti non voglio escludere nulla e procederanno con gli accertamenti medico legali. Per questo motivo domani sarà eseguita l'autopsia. 

 

Leggi anche > Sassari, donna incinta respinta al pronto soccorso perché priva di tampone molecolare: ha perso il bambino. Lo sfogo del marito

 

Il corpo del 51enne è stato scoperto oggi all'interno di un pozzo nel territorio di Uras da parte del personale della Stazione Forestale di Marrubiu. Dopo la sua scomparsa era scattate immediatamente le ricerche che avevano impegnato carabinieri, Forestale, volontari e vigili del fuoco. Le ricerche erano state poi interrotte dopo alcuni giorni, anche se i familiari hanno continuato a cercarlo nel territorio. Fino ad oggi quando c'è stata la terribile scoperta.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA