Foggia torna zona gialla, ma oltre 50 ristoranti non riaprono: «Vogliamo tutelare la salute di clienti e personale»

Lunedì 14 Dicembre 2020
Foggia torna zona gialla, ma oltre 50 ristoranti non riaprono: «Vogliamo tutelare la salute di clienti e personale»

Da domani, 15 dicembre 2020, la provincia di Foggia torna zona gialla. Una buona notizia per tutti gli esercenti, anche se spicca la decisione di un ristoratore, seguito da almeno una cinquantina di colleghi, che ha preferito non riaprire e limitarsi all'asporto e al domicilio, come avvenuto già nelle ultime settimane.

 

Leggi anche > Covid, la protesta dei ristoratori. Vissani: «Prima di decidere zona rossa governo dia soldi per i fornitori»

 

Rino Buonpensiero, titolare di un ristorante a Foggia, ha annunciato infatti su Facebook: «È con grande dispiacere che ci vediamo costretti a non riprendere la nostra attività con apertura al pubblico. I nostri sacrifici, le rinunce e gli sforzi fatti fino ad oggi, per la tutela della salute di tutti, non possono essere stati vani. Non ci sono le condizioni per svolgere al meglio e in serenità il nostro lavoro, continueremo a tenerci in piedi con servizio asporto e consegne a domicilio».

 

L'iniziativa del ristoratore foggiano sembra aver fatto proseliti: sono almeno 50 i ristoranti della provincia che domani non riapriranno regolarmente al pubblico. «L'apertura a pranzo ci avrebbe fatto comodo, ma preferiamo tutelare la salute dei nostri dipendenti e dei nostri clienti» - spiega ancora Rino Buonpensiero - «Continuiamo a ricevere adesioni all'iniziativa da parte di altri ristoratori, si sono già aggregati oltre una cinquantina di titolari di attività di ristorazione, alcuni dei quali anche delle vicine città di Manfredonia e Lucera».

© RIPRODUZIONE RISERVATA