Focolaio in ospedale per l'infermiera no-vax positiva, le famiglie di tre vittime denunciano

Focolaio in ospedale per l'infermiera no-vax positiva, le famiglie di tre vittime denunciano
Focolaio in ospedale per l'infermiera no-vax positiva, le famiglie di tre vittime denunciano
2 Minuti di Lettura
Sabato 20 Marzo 2021, 22:10

Non si placa il caso del focolaio di Covid innescatosi, all'interno dell'ospedale San Martino a Genova, a partire da un'infermiera no-vax che aveva rifiutato la sua dose Pfizer e un infermiere e un operatore sociosanitario che avevano ricevuto solo la prima dose del vaccino. Salgono a tre le famiglie delle vittime che hanno deciso di sporgere denuncia.

Leggi anche > Covid, Bassetti: «Cinquecento persone che lavorano nel mio ospedale hanno rifiutato il vaccino»

Il cluster si era originato all'interno del reparto di pneumologia dell'ospedale genovese, alla fine di febbraio. La procura nei giorni scorsi aveva aperto un fascicolo per omicidio colposo, a carico di ignoti, per la morte di Giulio Macciò, imprenditore genovese di 79 anni titolare di diverse agenzie di pratiche auto in città morto il 12 marzo e risultato positivo al Covid con un test post-mortem. I suoi familiari, assistiti dall'avvocato Claudio Zadra, avevano presentato denuncia e il procuratore aggiunto Francesco Pinto insieme al sostituto Stefano Puppo avevano avviato l'inchiesta.

Il 15 marzo, quindi dopo la morte di Macciò è deceduto un altro paziente, Giuseppe De Maio, 77 anni. L'anziano era ricoverato in pneumologia dal primo di marzo per diverse patologie. Il 14 marzo era risultato positivo al tampone e era stato trasferito nel reparto Covid dove è morto il 15 marzo. Il 4 marzo invece era morta proprio in pneumologia Anna Maria Sostegni, genovese di 64 anni. I parenti hanno presentato denuncia ai carabinieri del Nas solo dopo avere saputo del cluster e hanno chiesto la riesumazione del cadavere e il sequestro delle cartelle cliniche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA