Stuprata, picchiata e vittima di revenge porn: arrestato il fidanzato. L'incubo di una 23enne durato due anni

Lunedì 3 Maggio 2021
Stuprata, picchiata e vittima di revenge porn: arrestato il fidanzato. L'incubo di una 23enne durato due anni

Maltrattata, violentata e vittima di revenge porn: è l'incubo di una ragazza di 23 anni che per due anni sarebbe stata costretta ad una relazione choc da parte del compagno, un 23enne fiorentino, che è stato oggi arrestato e portato in carcere in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del capoluogo toscano Silvia Romeo dopo indagini dei carabinieri del nucleo investigativo di Firenze coordinate dal pm Giacomo Pestelli.

 

Leggi anche > Ciro Grillo, il racconto choc della 19enne: «Stuprata nel letto e nella doccia»

 

L'inchiesta è nata dalla denuncia della donna, coetanea dell'indagato, presentata a marzo dopo l'ennesima aggressione subita da parte dell'indagato che, questo il racconto fatto agli investigatori, nel corso della relazione l'avrebbe costretta a «continue umiliazioni e violenze inaudite - riferiscono i militari -: pugni, calci, schiaffi, morsi e in alcuni casi vere proprie torture con l'utilizzo di lattine, forbici o coltelli da cucina, tanto da essere anche costretta a ricorrere alle cure dei sanitari».

 

L'ultimo episodio di violenza risale alla serata tra il 9 e il 10 marzo scorsi. Secondo la ricostruzione fatta dalla vittima, in quell'occasione la giovane sarebbe stata aggredita, mentre erano a casa di amici, dopo aver ricevuto un sms che avrebbe infastidito il 23enne. Quest'ultimo avrebbe cominciato a «picchiarla con calci e pugni, a ingiuriarla ed insultarla e minacciarla di morte». La giovane avrebbe cercato di scappare ma sarebbe stata bloccata, picchiata «con violenza tale da renderla inerme e costretta in ultimo a subire un rapporto sessuale». Non contento, l'ex compagno, tramite un social network, avrebbe inviato a un comune conoscente «un video destinato a rimanere privato, girato tempo prima, nel quale era ripresa la vittima nuda». Solamente alle prime luci del mattino, dopo diverse ore, «la donna - spiegano i carabinieri - è riuscita a fuggire e chiedere finalmente aiuto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA