Il direttore non è vaccinato: la Asl chiude farmacia a Belluno. La titolare andava in piazza coi no Green pass

Una delle titolari, anche lei No Vax, su Facebook ironizza: "Ci godiamo un po' di ferie meritate"

Il direttore non è vaccinato: la Asl chiude farmacia a Belluno. La titolare andava in piazza coi no Green pass
Il direttore non è vaccinato: la Asl chiude farmacia a Belluno. La titolare andava in piazza coi no Green pass
3 Minuti di Lettura
Venerdì 5 Novembre 2021, 12:59 - Ultimo aggiornamento: 6 Novembre, 10:59

La Farmacia chiude i battenti. A deciderlo è l'Ulss 1 perché il direttore non è vaccinato. Sulla porta d'ingresso della farmacia Veneggia di Belluno compaiono due cartelli «Farmacia forzatamente chiusa dall’Ulss 1 per la nostra volontaria non adesione alla campagna vaccinale» e ancora «Si riaprirà al ritorno della democrazia».

Leggi anche > Sileri: «Natale non ci preoccupa, grazie al Green pass. Vaccino ai bambini? Ai miei figli lo farei»

Come ha ironizzato su Facebook Cristina Muratore, una delle titolari, l'attività si è presa delle «ferie meritate». La chiusura dell’attività è stata imposta dall’azienda sanitaria e a spiegare l’iter che ha portato all’abbassamento forzato delle saracinesche è l’avvocato Gino Sperandio che assiste la farmacia.

«L’Ulss locale ha preso atto che il direttore sanitario della farmacia non è vaccinato e la norma prevede che per poter tenere aperto è necessario che questa figura abbia ricevuto la somministrazione. L’ispezione è arrivata sabato 30 ottobre e lunedì l’Ulss ha inviato una pec in cui veniva spiegato che fino a quando la questione non fosse stata risolta l’attività avrebbe dovuto rimanere chiusa. So che i titolari (anche loro non vaccinati, ndr) stanno cercando un altro direttore sanitario in regola con le somministrazioni ma fino a quando non lo trovano saranno costretti a non lavorare», dice il legale.

Cristina Muratore non molla e in questi giorni su vari organi di stampa locale ha motivato la scelta: «Per il momento stiamo valutando il da farsi dato che noi non abbiamo un direttore sanitario vaccinato. Non vogliamo adeguarci a questo sistema e rifiutiamo la vaccinazione visto che questa dovrebbe essere fatta senza rischi per la salute, mentre i rischi sono sempre più evidenti e documentati». La titolare della farmacia negli ultimi mesi è stata una delle protagoniste delle manifestazioni contro il siero anti covid e il Green pass che si sono tenute nelle piazze venete, sfilando quasi tutti i sabati insieme agli altri 'No Vax' a Belluno, anche se ci ha tenuto a precisare di non essere contro i vaccini.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA