Effetto Green pass, ma solo sui tamponi: volano i test rapidi, meno i nuovi vaccinati

Effetto Green pass, ma solo sui tamponi: volano i test rapidi, meno i nuovi vaccinati
Effetto Green pass, ma solo sui tamponi: volano i test rapidi, meno i nuovi vaccinati
3 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Settembre 2021, 11:26

L'effetto del Green pass fa volare il numero di tamponi rapidi, meno il numero di nuovi vaccinati contro il Covid. Sin dal 6 agosto l'impatto dell'estensione del Green pass è stata molto evidente sui tamponi rapidi, la cui media mobile a 7 giorni è aumentata in un mese del 57,7% passando da 113mila (6 agosto) a 178mila (7 settembre) per poi stabilizzarsi. Lo evidenzia il report della Fondazione Gimbe sul monitoraggio della settimana 22-28 settembre rispetto alla precedente. 

Leggi anche > Sileri: «Vaccinati contagiosi? Una baggianata, ecco perché. L'eccezione non è la regola»

Sui nuovi vaccinati l'effetto Green pass è ancora modesto: dopo un lieve rialzo dopo il 6 agosto, le prime dosi giornaliere sono crollate sino al minimo del 17 settembre (media mobile 66,7 mila), registrando poi una timida risalita e stabilizzandosi intorno a quota 84mila. Finora dunque l'obbligo di Green pass in diversi ambiti, ma ancora non sul lavoro (dove sarà obbligatorio dal 15 ottobre) più che portare la gente a convincersi di vaccinarsi, ha solo aumentato il numero di chi, pur di avere il pass, ha scelto di fare il tampone.

«La progressiva estensione del Green pass ha ottenuto un effetto molto netto in termini di testing della popolazione, contribuendo a ridurre la circolazione del virus, ma sinora non ha prodotto nessuna impennata nella curva dei nuovi vaccinati - spiega Nino Cartabellotta, presidente Gimbe - Considerato che almeno 5 milioni di persone non vaccinate sono in età lavorativa, la prova del nove per valutare l'efficacia della 'spinta gentile' arriverà intorno al 15 ottobre, data di decorrenza dell'obbligo del Green pass per dipendenti pubblici e privati»

© RIPRODUZIONE RISERVATA