Dl aiuti, ecco il bonus di 200 euro per i redditi inferiori ai 35mila TUTTE LE MISURE

Nuovo piano di Draghi. Ok al termovalorizzatore di Roma ma i M5S remano contro

Martedì 3 Maggio 2022 di Alessandra Severini

Il governo arriva in soccorso di famiglie ed imprese contro il caro energia e stanzia 14 miliardi nel nuovo decreto aiuti. Nel testo, finanziato anche grazie all’aumento dal 10 al 25% delle tasse sugli extraprofitti realizzati dalle grandi aziende energetiche, rientrano una molteplicità di misure. Il Movimento 5 stelle non lo ha votato poiché in dissenso sulla norma che apre alla realizzazione dell’inceneritore a Roma e su questo duro sarebbe stato in Cdm lo scontro con il Pd. «Il provvedimento – ha detto Draghi – vuole difendere i più deboli, il potere di acquisto delle famiglie e la capacità produttiva delle imprese. Il caro vita è dovuto in larga misura ai prezzi dell’energia Una situazione temporanea che affrontiamo con strumenti eccezionali».

 

Benzina e diesel, sconto di 30 cent fino all'8 luglio

 

CONTRIBUTO 200 EURO. Un contributo una tantum da 200 euro per lavoratori e pensionati con redditi fino a 35mila euro per contrastare i rincari legati all’inflazione. Un intervento per cui sono stati stanziati 6,5 miliardi.

TERMOVALORIZZATORE. Per Roma si prevede che il commissario straordinario per il Giubileo, ovvero il sindaco Gualtieri eserciterà le competenze assegnate alla Regione in materia di rifiuti, fra cui quella di predisporre e adottare il piano di gestione dei rifiuti della città e approvare i progetti di nuovi impianti. In pratica si dà il via libera alla realizzazione del termovalorizzatore che già il sindaco aveva annunciato. «La norma – dice soddisfatto Gualtieri – mette Roma nelle condizioni di risolvere strutturalmente il problema dei rifiuti».

BONUS BOLLETTE. Il bonus sociale diventa retroattivo: eventuali pagamenti di somme eccedenti verranno compensati in bolletta una volta presentato l’Isee.

SUPERBONUS VILLETTE. Viene prorogato dal 30 giugno al 30 settembre 2022 il termine per effettuare almeno il 30% dei lavori complessivi nelle villette unifamiliari ai fini dell’accesso al superbonus 110%.

GRANDI CITTÀ. Ai Comuni con più di 800mila abitanti viene destinato un fondo da 600 milioni in 4 anni per raggiungere gli obiettivi del Pnrr.

IMPRESE. Un Fondo da 200 milioni andrà a sostenere le imprese che hanno subito ripercussioni negative e perdita di fatturato dalla crisi ucraina. Viene esteso il credito d’imposta per le aziende energivore.

AFFITTI. Al Fondo nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in affitto è assegnata una dotazione da 100 milioni per il 2022.

TRASPORTI. Ci sarà uno sconto sugli abbonamenti per studenti e lavoratori.

EMERGENZA UCRAINA. Ai Comuni che accolgono minori ucraini vengono rimborsati i costi sostenuti fino a un massimo di 100 euro al giorno per ciascuno. I profughi ucraini inoltre non dovranno pagare commissioni per poter cambiare le loro monete in euro.

Ultimo aggiornamento: 07:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA