Discoteche, slitta ancora la riapertura: ipotesi nuovi ristori. Sileri: «Green pass? Basterà la prima dose»

Mercoledì 30 Giugno 2021
Discoteche, slitta ancora la riapertura: ipotesi nuovi ristori. Sileri: «Green pass? Basterà la prima dose»

Quando riapriranno le discoteche, e in quali modalità? Per ora si slitta ancora. Secondo quanto appreso dall'agenzia ANSA da fonti di governo la questione sarebbe stata affrontata a margine del Consiglio dei ministri ma non si sarebbe arrivati ad una decisione definitiva. Sul tavolo, però, sarebbe stata messa la possibilità di riconoscere delle risorse per le mancate entrate subite dall'intero settore fino ad ora.

 

Leggi anche > Il cashback non sarà cancellato ma solo sospeso. «Ecco quando ripartirà»

 

Sileri: «Green pass in disco? Basta la prima dose»

 

Sull'apertura delle discoteche - invocata dai gestori da settimane - ha provato a rispondere il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, ospite di Tg Zero su Radio Capital. Rispondendo a una domanda sulla prossima apertura delle discoteche in funzione del green pass, di una possibile rimodulazione con due dosi e della variante Delta, Sileri ha detto che «al momento credo che la singola dose possa essere sufficiente. Aspetterei il prossimo monitoraggio» ma «se passi dal 20% di prevalenza al 40% e vedi una risalita dei casi allora è chiaro che devi agire tempestivamente, e questo è evidente».

 

Leggi anche > Variante Delta, in GB impennata di contagi: oggi oltre 26mila casi

 

Quanto a Ucraina-Inghilterra del prossimo 3 luglio a Roma, Sileri ha detto che ci vogliono «maggiori controlli chiaramente agli arrivi» ma anche «disincentivi». «La cosa migliore in effetti sarebbe suggerire ai tifosi inglesi di non venire a vedere la partita anche se capisco che forse è la cosa più difficile da accettare. Però purtroppo la variante Delta è una realtà» e in Gran Bretagna «corre». Vale anche per il contrario, per la finale a Londra sulla quale il sottosegretario esprime «qualche perplessità». Forse dice, servirebbero «filtri maggiori come doppio tampone e quarantena». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA