Di Maio verso l'addio al M5S, scissione già oggi? Obiettivo 50 firme per nuovo gruppo in Camera e Senato. Alle 21.15 parla alla stampa

A Montecitorio via a raccolta firme per costituire nuovo gruppo. L'annuncio potrebbe arrivare già nel pomeriggio o comunque prima dell'assemblea congiunta fissata per domani

Di Maio verso l'addio al M5S, scissione già oggi? Ecco i numeri dei "dimaiani" alla Camera e al Senato
Di Maio verso l'addio al M5S, scissione già oggi? Ecco i numeri dei "dimaiani" alla Camera e al Senato
di Andrea Bulleri
4 Minuti di Lettura
Martedì 21 Giugno 2022, 14:10 - Ultimo aggiornamento: 21:41

Gruppi autonomi alla Camera e al Senato. È il progetto a cui lavorano deputati e senatori vicini a Luigi Di Maio, che stanno raccogliendo le firme per uscire dalla compagine parlamentare del M5S. La separazione all'interno del Movimento, secondo quanto si apprende, potrebbe avvenire già dopo la discussione sulle risoluzioni che accompagneranno le comunicazioni del premier Draghi in vista del Consiglio europeo. E proprio il premier è stato interpellato prima dell'intervento a palazzo Madama: preoccupato per la tenuta della maggioranza? «Non lo so, vediamo, vediamo...», la replica. E dopo l'ok alla risoluzione di maggioranza è stato più esplicito: «Ringrazio» il Senato «per il sostegno unitario, l'unità è essenziale».  Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio parlerà alla stampa stasera alle 21.15 presso l'Hotel Sina Bernini Bristol a Roma.

 

Uno dei temi sul tavolo sarebbe quello del simbolo da presentare al Senato, ma - spiegano fonti parlamentari - si sta risolvendo anche questo nodo. Alla Camera dei deputati non ci sarebbero invece problemi. Un’iniziativa nata da parlamentari, con la regia dello stesso Luigi Di Maio. Nata, pare di capire, dopo il post sul blog di Beppe Grillo che avrebbe segnato il “liberi tutti” tra le file dei dimaiani. 

M5s, i quattro litiganti: la fuga (al centro) di Di Maio, i sogni di Conte, la regia di Grillo e Fico eterna promessa

M5S verso la scissione

Già 35 parlamentari vicini al ministro Di Maio, tra Camera e Senato, hanno firmato per la costituzione di nuovi gruppi: l'obiettivo, apprende l'Ansa, è raggiungere la soglia di 50 parlamentari. «Difficile, ma l'entusiasmo cresce», riferiscono alcuni parlamentari coinvolti nell'operazione. Per costituire un gruppo a Montecitorio servono 20 deputati in base al regolamento.

I numeri

Secondo fonti "contiane" sarebbero tutt'al più una ventina, massimo venticinque gli eletti intenzionati a seguire Di Maio nella sua nuova avventura parlamentare lontano dal M5S di Giuseppe Conte. Ma per alcune fonti vicine all'ex capo politico i numeri «potrebbero essere più importanti». Diverso il discorso per quanto riguarda Palazzo Madama, dove Di Maio potrebbe contare su una decina di senatori. «Ma al Senato - spiega un "dimaiano" - la questione numerica è ininfluente. Per formare un gruppo servirebbe un simbolo: che siano dieci o venti, la sostanza non cambia». L'annuncio dell'addio potrebbe arrivare già questo pomeriggio o comunque prima dell'assemblea congiunta fissata per domani, alla quale Di Maio non dovrebbe prendere parte.

A Palazzo Madama

Sono «ben più di una decina» i senatori del M5S vicini a Luigi Di Maio che a Palazzo Madama hanno già firmato per la costituzione di una componente autonoma. Lo apprende l'Ansa da una fonte parlamentare. Il regolamento del Senato prevede che per la costituzione di un gruppo parlamentare servano almeno dieci senatori. Tuttavia, i dimaiani rischiano di non poter costituire un gruppo: l'art. 14 dice, infatti che i gruppi devono «rappresentare un partito o movimento politico che abbia presentato alle elezioni del Senato propri candidati con lo stesso contrassegno, conseguendo l'elezione di Senatori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA