Denise Pipitone, Storie Italiane: «Rischio inquinamento prove, ecco chi c'era sulla nave per Tunisi»

Cade la pista tunisina, mentre la Procura chiede l'archiviazione delle indagini

Mercoledì 22 Settembre 2021 di Silvia Natella
Denise Pipitone, Storie Italiane: «Rischio inquinamento prove, ecco chi c'era sulla nave per Tunisi»

Nell'ambito dell'inchiesta sulla scomparsa di Denise Pipitone, Storie Italiane fa luce sulla pista tunisina facendola cadere definitivamente. L'inviata che da anni si occupa del caso ha intercettato e intervistato il tunisino che era a bordo della nave partita da Trapani e diretta a Tunisi. Il documento di quasi vent'anni fa che ha lasciato ipotizzare la partenza di una bambina dalle generalità incerte era pieno di errori. 

 

Leggi anche > Il caso di Eitan a Storie Italiane, domani l'udienza a Tel Aviv: «Nessuno può sapere cosa vuole lui»

 

Denise Pipitone, a Storie Italiane la pista tunisina

A bordo di quella nave non c'era una bambina, ma un maschio di nome Simone. Il piccolo sarebbe stato registrato con un nome falso. «Abbiamo cercato questa persona per capire chi era il minore sulla nave. Abbiamo trovato il papà che ci ha confermato che si imbarcava da Trapani ogni anno fino a quando esisteva quella tratta, cioè fino al 2005», fa sapere la giornalista inviata. 

 

Denise Pipitone, a Storie Italiane la pista tunisina

«Andavo sempre nel periodo estivo. Simone era piccolo e si imbarcava con me tutti gli anni. Hanno scritto "Simona" e non "Simone" sui documenti della nave. Hanno sbagliato loro», le parole dell'uomo tunisino. Sulla base di questi elementi la conduttrice Eleonora Daniele sottolinea che non ci sono elementi che avvalorino la pista tunisina.

 

Denise Pipitone, il rischio di inquinamento delle prove

Nel frattempo c'è una richiesta di archiviazione e il pm di marsala ha parlato del rischio di inquinamento prove. Le ultime indagini non avrebbero portato a nulla e ci si chiede se il clamore mediatico del caso non abbia contribuito a depistare. Con queste parole la procura potrebbe aver alluso alla fuga di notizie, a soggetti che si sarebbero lasciati influenzare, a segnalazioni e vari errori. 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 12:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA