Denise Pipitone, la pm Maria Angioni: «Non ritratto nulla, meglio il processo. La gente deve sapere la verità»

Martedì 13 Luglio 2021

L'ex pm del caso di Denise Pipitone, Maria Angioni, non torna indietro e non smentisce quanto affermato nelle recenti dichiarazioni, ribadendo che preferisce andare a processo piuttosto che infangare ancora una volta la possibile strada verso la verità. «Se ritrattassi e, abiurando, dichiarassi che quanto ho detto al Pm non è vero, il procedimento penale a mio carico si chiuderebbe subito, ma io voglio il processo: è una cosa che devo, a me e a tante altre persone che hanno diritto a giustizia e verità».

 

Leggi anche > Saman Abbas, le ricerche del corpo vengono sospese. Dopo 67 giorni il corpo non è ancora stato ritrovato

 

Sono chiare e puntuali le parole sul suo profilo Fb, il giudice Maria Angioni, che da sostituto alla Procura di Marsala indagò sul sequestro della piccola Denise Pipitone e che è indagata per false dichiarazioni al pm. «Io invece - continua la Angioni, adesso giudice del lavoro a Sassari - sto studiando e valuterò tutti gli atti, anche quelli contenuti nei numerosi stralci a mod. 44 (notizie di reato a carico di persone ignote, ndr) e mod. 45 (registro atti che non costituiscono notizie di reato, ndr) che disposi all'epoca per esigenze di particolare segretezza, e ho già depositato una denuncia penale per falsità materiale in atto pubblico».

 

L'ex pm è stata sentita come "persona informata dei fatti" lo scorso 3 maggio dalla Procura di Marsala. Alcune delle sue dichiarazioni non sarebbero state riscontrate negli atti dell'inchiesta e per questo motivo il 4 giugno è stato emesso l'avviso di garanzia nei suoi confronti, notificato il 18 giugno, con invito a comparire di nuovo a Marsala in veste di indagata. Tre sarebbero gli episodi contestati alla Angioni. Il suo legale, l'avvocato Stefano Pellegrino, ha parlato di "ricordi in buona fede", sottolineando la complessità del caso e la distanza temporale dai fatti, oltre 17 anni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA