Decreto Draghi, le Faq su ristoranti, negozi e matrimoni: ecco cosa si può fare

Sabato 1 Maggio 2021
Decreto Draghi, le Faq su ristoranti, negozi e matrimoni: ecco cosa si può fare

Con le riaperture previste dal Decreto Draghi i ristoranti possono riaprire in zona gialla ma servire all'aperto, i matrimoni si possono celebrare con regole specifiche e i negozi devono osservare i protocolli anti-Covid. Ecco tutti i chiarimenti ai dubbi sollevati e i dettagli contenuti nelle Faq, le domande frequenti pubblicate dal governo. Intanto, cambiano i colori per alcune regioni e l'Rt, l'indice di contagiosità, si alza leggermente.

 

Leggi anche > Dall' India falsi tamponi per arrivare a Fiumicino: «Con 20 euro si prende l'aereo anche se malati»

 

Decreto Draghi, le Faq sui ristoranti

È risaputo che i ristoranti in zona gialla possono servire soltanto i tavoli all'aperto, ma ci sono alcune regole da seguire per i servizi igienici e il pagamento del conto. I clienti possono entrare nei locali esclusivamente «per l’uso dei servizi igienici, per effettuare il pagamento del conto (laddove non si possa fare all'esterno) o per acquistare i prodotti da asporto» e comunque «per il tempo strettamente necessario» senza creare assembramenti. In zona arancione e rossa si può entrare nei locali solo per prendere cibo da asporto.

 

Decreto Draghi, le Faq sui negozi

In zona rossa i negozi di alimentari possono continuare a vendere solo questi beni di prima necessità. Sono consentite «consegne alimentari anche fuori dal proprio comune e gli spostamenti per trasporto e montaggio di mobili sono ammessi».

 

Matrimoni e cerimonie

Le cerimonie si possono celebrare, ma restano vietati banchetti e feste così come restano chiuse le «sale da ballo, discoteche e locali assimilati». Sono consentiti funerali e le sepolture sempre «rispettando la distanza interpersonale di un metro tra le persone che vi assistono». 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA