Coronavirus, contrordine sui treni dal ministro Speranza: «Resta la regola del distanziamento»

Sabato 1 Agosto 2020
Coronavirus, contrordine sui treni dal ministro Speranza: «Resta la regola del distanziamento»

Contrordine sui treni. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha pubblicato su Facebook che sui mezzi continueranno a esserci la regola del distanziamento di almeno un metro e l'obbligo della mascherina. «È giusto - scrive che sui treni restino in vigore le regole di sicurezza applicate finora. Non possiamo permetterci di abbassare il livello di attenzione e cautela».

Leggi anche > Covid, in treno senza distanziamento. Locatelli: «Preoccupa, serve riflessione». D'Amato: «Messaggio sbagliato»

«Per questo - continua - ho firmato un'ordinanza che ribadisce in tutti i luoghi chiusi, aperti al pubblico, compresi i mezzi di trasporto, è e resta obbligatorio sia il distanziamento di almeno un metro, che l'obbligo delle mascherine. Questi sono i due principi essenziali che, assieme al lavaggio frequente delle mani, dobbiamo conservare nella fase di convivenza con il virus».

Solo poche ore fa si parlava della possibilità che i treni a lunga percorrenza Frecciargento e Frecciarossa di Trenitalia e i treni Italo potessero viaggiare al 100% dei posti annullando di fatto il distanziamento. Una notizia che ha messo in allarme subito il comitato tecnico-scientifico. 

Ultimo aggiornamento: 19:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA