Covid, il cdm proroga lo stato d'emergenza al 31 gennaio. Mascherine subito obbligatorie all'aperto

Mercoledì 7 Ottobre 2020
Covid, la Camera ritrova il quorum e approva la risoluzione della maggioranza: proroga stato emergenza e mascherine obbligatorie

Mascherine all'aperto obbligatorie fino al 15 ottobre. Ed entro quella data sarò adottato un nuovo provvedimento che confermi o modifichi le disposizioni. È quanto ha deciso il Consiglio dei ministri che ha approvato, nell'ambito del decreto legge Covid, una norma che proroga il dpcm con le norme anti contagio ora in vigore. C'è una novità: diventa immediatamente effettivo l'obbligo di indossare le mascherine anche all'aperto, se si è vicini a persone non conviventi. Inoltre il Consiglio dei ministri ha prorogato, con un'apposita delibera, lo stato d'emergenza al 31 gennaio 2021.
 

Mascherina ovunque tranne a casa. Secondo le indicazioni del governo, la mascherina è obbligatoria in tutti i luoghi chiusi, tranne le abitazioni private. E questa è una delle novità che, è stata introdotta nel nuovo decreto Covid. L'obbligo al chiuso era previsto esclusivamente per i luoghi aperti al pubblico. Adesso arriva un'ulteriore stretta e l'obbligo scatta ovunque tranne che nella propria abitazione.
 

Quando non va messa. Le nuove disposizioni entreranno in vigore subito dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto legge. Come spiegano fonti del governo, l'obbligo di indossare la mascherina varrà «in tutti i luoghi all'aperto ad eccezione dei casi in cui sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento» da altre persone. L'obbligo perciò non vale se si è all'aperto in un luogo isolato con persone conviventi.
 

Altri obblighi. Il decreto legge che delinea la cornice normativa dei provvedimenti anti contagio per far fronte all'emergenza Covid, introduce l'obbligo di portare sempre con sé le mascherine e prevede anche che le Regioni non possano adottare norme meno restrittive di quelle del governo, salvo specifiche eccezioni concordate con il ministro della Salute. Ai governatori resta la possibilità di adottare ordinanze più restrittive.

 

ALLA CAMERA Camera ritrova il quorum e approva la risoluzione della maggioranza sul Covid con 253 Si e 3 No. L'opposizione non ha votato. La risoluzione della maggioranza impegna il Governo a «disporre la proroga dello lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021» e «a provvedere affinchè su tutto il territorio nazionale sia introdotto l'obbligo di indossare la mascherina anche nei luoghi all'aperto e per l'intero arco della giornata».

Leggi anche > Nuovo Dpcm anti covid: obbligo di portare sempre con sé la mascherina, maxi multe e tamponi per arrivi dal Regno Unito

Il documento è stato presentato a seguito delle comunicazioni del ministro della Salute, Roberto Speranza, in vista del nuovo dpcm sull'emergenza coronavirus. È ora prevista una seduta del Consiglio dei ministri che prenderà atto degli indirizzi del Parlamento (il Senato si era espresso ieri). È stata invece bocciata la risoluzione delle opposizioni, con la quale si sollecitava tra l'altro la presenza in Aula del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

L'Assemblea è tornata al voto sulle risoluzioni dopo che nel corso delle votazioni di ieri la seduta era risultata per due volte non in numero legale a causa dell'assenza dei deputati in quarantena fiduciaria. In base alla decisione assunta successivamente dalla Giunta per il regolamento di Montecitorio anche tali parlamentari sono da considerarsi, da oggi, 'in missionè. In questo modo viene sciolto il nodo delle assenze causate dal protocollo Covid (ma solamente per le votazioni a maggioranza semplice).

Il testo licenziato da Montecitorio, con il parere favorevole da parte del Governo, sollecita infine l'Esecutivo a «verificare, avvalendosi del Cts, in considerazione dei dati epidemiologici che evidenziano una significativa crescita dei contagi da infezione da Covid-19 sull'intero territorio nazionale, la necessità di individuare ulteriori misure di prevenzione per il contrasto alla diffusione del virus, in linea con gli indirizzi che il Parlamento riterrà di formulare».

Ultimo aggiornamento: 19:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA