Covid, boom di vaccinazioni nell'ultima settimana: 2,5 milioni di 12-19enni sono stati vaccinati, ma oltre 3 milioni di over 50 ancora non sono protetti

Il Generale Figliuolo ha dichiarato che le somministrazioni di prime dosi sono aumentate del 32,5% dalla settimana passata e i risultati più significativi si hanno nelle fasce di età tra i 30 e i 59 anni

Venerdì 24 Settembre 2021
Covid, boom di vaccinazioni nell'ultima settimana

Sono più di 2 milioni e mezzo gli adolescenti tra i 12 e i 19 anni che hanno completato il ciclo vaccinale anti covid, ma ce ne sono ancora un milione e mezzo che devono avere la prima dose del vaccino. Questo il dato che emerge dall'ultimo report di governo settimanale sull'andamento della campagna vaccinale. Hanno completato il ciclo vaccinale in 2.519.601 giovani su una platea complessiva di 4,6 milioni. 

 

Leggi anche > Test salivari, il Ministero: «Sconsigliati, non sono validi per il Green pass». Ma ok nelle scuole

 

A preoccupare maggiormente è la fetta di over 50 che ancora non hanno ricevuto la prima dose. Sono oltre 3 milioni e la situazione resta complicata. In questa categoria sono 3.249.712 gli italiani che non hanno ricevuto neanche una dose di vaccino. L'11,7% del totale degli over 50 in Italia. Rispetto alla settimana scorsa, le persone immunizzate in più sono 174mila.

 

Risultati molto più rassicuranti arrivano dagli over 80. Gli immunizzati in questa categoria sono il 92,55%, oltre 9 su 10 hanno già la copertura totale anti covid. Si contano quindi 4.223.086 immunizzati su 4.562.910 persone con un passaggio dal 92,35% di settimana scorsa all'attuale 92,55%. 

 

Tra i 70 e i 79 anni la percentuale di immunizzzati, che hanno completato il ciclo vaccinale, è all'89,56% (una settimana fa era dell'89,1%), cioè 5.390.753 persone su un totale di 6.019.293.

 

Il commissario per l'Emergenza sanitaria Francesco Figliuolo ha dichiarato che «da lunedì le somministrazioni delle prime dosi sono aumentate del 32,5%, confermando il trend positivo dell'ultimo periodo. In base agli ultimi dati, tra il 20 e il 23 settembre sono state inoculate in media 80.500 prime dosi al giorno, contro le 60.700 del 13-16 settembre. Le differenze più significative sono nelle fasce di età dai 30 ai 59 anni+79% tra i 50-59enni, +62% tra i 40-49enni, +41% tra i 30-39enni». 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA