Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, il bollettino di oggi lunedì 6 dicembre 2021: 9.503 nuovi contagi e 92 morti. Tasso di positività e terapie intensive in aumento

Covid, il bollettino di oggi lunedì 6 dicembre 2021: 9.503 nuovi contagi e 92 morti. Tasso di positività e terapie intensive in aumento
2 Minuti di Lettura
Lunedì 6 Dicembre 2021, 17:04 - Ultimo aggiornamento: 19:15

Covid, il bollettino di oggi lunedì 6 dicembre 2021. Sono 9.503 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 15.021. Sono invece 92 le vittime in un giorno, ieri erano state 43. Sono 301.560 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 525.108.

Il tasso di positività è al 3,1%, in aumento rispetto al 2,9% di ieri. Sono invece 743 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 7 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 45. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 5.879, ovvero 282 in più rispetto a ieri.

No vax rifiuta le cure in casa e muore a 47 anni

VACCINO: TERZA DOSE

«Dose booster per vaccinati e guariti dopo 5 mesi». Ecco la nuova circolare del Ministero della Salute, con i chiarimenti sulla somministrazione della dose di richiamo (booster) per le persone già vaccinate e con pregressa o successiva infezione da SARS-CoV-2: «Nei soggetti vaccinati prima o dopo un'infezione da SARS-COV-2, nelle tempistiche/modalità raccomandate, è indicata la somministrazione di una dose di richiamo (booster), ai dosaggi autorizzati per la stessa, purché sia trascorso un intervallo minimo di almeno cinque mesi (150 giorni) dall'ultimo evento (da intendersi come somministrazione dell'unica/ultima dose o diagnosi di avvenuta infezione)».

© RIPRODUZIONE RISERVATA