Courmayeur, partita in tv negata ai tifosi: «A noi i napoletani non piacciono»

Courmayeur, partita in tv negata ai tifosi: «A noi i napoletani non piacciono»
di Cristina Cennamo
4 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Gennaio 2019, 16:31 - Ultimo aggiornamento: 22:04

Partita negata sabato sera a Courmayeur per il napoletano A. M., che trovandosi in vacanza nella celebre località sciistica con la famiglia aveva pensato bene di recarsi con i figli al Bar Caffè delle Guide per assistere  match del Napoli. 

Quella che doveva essere una tranquilla serata in famiglia, però, si è trasformata in uno spiacevole episodio di discriminazione per il tifoso partenopeo.

All'ingresso, infatti, una persona del locale avrebbe risposto in tono offensivo «a noi i napoletani non piacciono e le partite del Napoli non le facciamo vedere».

Il tutto a  voce alta suscitando tristemente, come spiega A. M., anche delle risate di compiacimento da parte di alcune persone che erano sedute in sua compagnia.

«Ho accompagnato i miei due bimbi, di 11 e 8 anni scioccati per quanto avevano sentito, fuori dal bar e sono rientrato per chiedere spiegazioni - spiega il napoletano - La stessa persona, infastidita dal fatto che mi fossi permesso di rientrare, alla mia richiesta di spiegazioni ha ribadito, con modi arroganti, il concetto che i napoletani a lui non piacciono,  perché sono tutti ladri. Quando gli ho fatto notare che anche io sono di origini napoletane, ha continuato rincarando la dose, aggiungendo che siamo tutti ladri perché spesso quando ci sono dei napoletani nel locale fanno sempre casino e spesso rubano anche dei dei soldi dalla cassa. E comunque il locale è il suo e lui nel suo locale i napoletani non li vuole».

Ovviamente seccato per l'accaduto, A. M. però non ha voluto lasciar passare la cosa sotto silenzio ed ha quindi chiamato i carabinieri «che hanno ascoltato separatamente me e l'altra persona, dicendomi che al momento non potevano fare niente perché un locale può decidere se far vedere o meno una partita», spiega ancora A. M. che ha poi scritto sia al Comune di Courmayuer che alle Guide Alpine per denunciare l'accaduto in attesa di valutare se prosgeuire o meno per le vie legali. 

«Stiamo parlando di un episodio di inaccettabile discriminazione avvenuto in pieno centro di una delle località turistiche più rinomate d'Italia e d'Europa - conclude A. M. - di cui sono assiduo frequentatore da circa dieci anni e mai mi sarei aspettato che sarebbe potuto accadere quanto è purtroppo successo. Aggiungo, inoltre, che il  Bar Caffè delle Guide di Courmayeur è un locale dal passato glorioso, il cui nome da solo evoca una categoria, le Guide Alpine, che da sempre si sono distinte per la loro passione nell'aiutare chiunque fosse in difficoltà, in un ambiente che spesso mostra il suo volto più crudo, pagando non di rado un caro prezzo per la loro attività. E spero allora che quanto riportato possa essere motivo di discussione». 

Il locale, invero, appartiene al signor Nicholas Borghi che non era presente ai fatti ma ne ha avuto comunque notizia sia dal suo dipendente che da un amico che sarebbe a sua volta amico del cliente bistrattato. «Le versioni non sono coincidenti - spiega l’imprenditore - e se devo dirla tutta la persona che avrebbe avuto il battibecco con il turista è un argentino sposato con una pugliese. Ad ogni modo, siccome sono una persona educata, mi sono premurato di mandare un messaggio di scuse tramite la moglie del mio amico, che mi risulta essere una delle migliori amiche della moglie del signore. Pensavo che la cosa sarebbe finita lì, anche perché in ventuno anni di attività nessuno mai ci ha accusato di razzismo. Del resto, a Courmayeur su tremila abitanti duemila saranno meridionali, prevalentemente calabresi e sardi. Ovviamente però a questo punto tutelerò sia il mio locale che il mio dipendente, visto che sono sono stati fatti anche post e commenti poco simpatici sia su Facebook che su Tripadvisor». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA