Coronavirus, un test del sangue per capire prima chi avrà bisogno del ricovero in terapia intensiva

Martedì 7 Aprile 2020
Coronavirus, un test del sangue per capire prima chi avrà bisogno del ricovero in terapia intensiva

Uno dei problemi più annosi di questa pandemia di coronavirus riguarda i ricoveri in terapia intensiva, con un numero enorme di persone, soprattutto anziani ma non solo, che hanno avuto e hanno tuttora bisogno di supporto respiratorio. Ma presto potrebbe arrivare un test del sangue che aiuterebbe a distinguere i pazienti che necessitano di un letto di terapia intensiva da quelli che hanno solo sintomi lievi.

Leggi anche > Coronavirus, in Svezia ancora tutto aperto. E il Governo ora chiede poteri speciali

Il test, dovrà identificare il biomarker di un singolo gene IFI27, che viene già usato per individuare i primi segni di influenza stagionale per i pazienti ad alto rischio. I ricercatori dell'università di Sydney e dell'Istituto per malattie infettive e biosicurezza dell'ospedale di Westmead a Sydney si sono posti questo esame del sangue come obiettivo e ora contano di metterlo a punto entro cinque settimane.

Leggi anche > Coronavirus, coppia in luna di miele forzata da settimane alle Maldive nel resort da 700 euro a persona: «Finiti i soldi»

Secondo i ricercatori questo strumento di triage che può essere cruciale per aiutare i medici a stabilire se un paziente peggiorerà entro 24 ore o se può essere mandato ad autoisolarsi in casa e così alleviare le risorse mediche limitate. Finora i test possono solo individuare la presenza di coronavirus, non quali pazienti sarebbero a rischio di un rapido deterioramento.

Benjamin Tang, a capo dello studio, ha detto al Sydney Morning Herald di essere «cautamente ottimista» che il test si dimostri efficace per il coronavirus, poiché è basato su un decennio di ricerche su biomarker in preparazione di una tale pandemia. Gli studiosi hanno eseguito il test su un numero ridotto di campioni di sangue di pazienti del virus, con risultati «superiori alle aspettative», ha detto Tang. Ora hanno lanciato una campagna di crowdfunding (finanziamento collettivo), per finanziare le risorse necessarie a processare più di 500 campioni di sangue per confermare l'efficacia del test. 

Ultimo aggiornamento: 20:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA