Coronavirus, l'Italia è zona protetta. In Lombardia 135 morti, 15 le vittime in Emilia Romagna DIRETTA

Martedì 10 Marzo 2020
Coronavirus, l'Italia è zona protetta. Fontana: «Chiudere tutto in Lombardia, tranne farmacie e alimentari» DIRETTA

Tutta l'Italia è zona protetta nell'emergenza coronavirus: dopo i dati di ieri sui contagi, con 97 morti in un giorno, il Governo ha optato per misure ancora più stringenti rispetto al dpcm di domenica mattina, che limitava invece la zona rossa alla Lombardia e ad altre 14 province. Ora tutto il Paese è a rischio contagio, e il mantra è sempre lo stesso: «Restiamo a casa». Ne va della nostra salute e soprattutto di quella dei nostri cari, specie se anziani.

Leggi anche > Autocertificazione per spostarsi, il modulo da scaricare

«Il futuro dell'Italia è nelle nostre mani. Facciamo tutti la nostra parte, rinunciando a qualcosa per il bene della collettività. In gioco c'è la salute dei nostri cari, dei nostri genitori, dei nostri figli, dei nostri nonni. Ho appena firmato il decreto», ha scritto ieri sera su Twitter il presidente del Consiglio Giuseppe Conte

Leggi anche > Il ministro Patuanelli: «Stop a mutui, bollette e tributi in tutta Italia»


Tra le misure del decreto l'obbligo per bar e ristoranti di stare chiusi dopo le 18: si può aprire solo tra le 6 e le 18 appunto, con obbligo, a carico del gestore, di garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, pena sospensione dell'attività in caso di violazione. 

LA DIRETTA

Ore 20.20 In Piemonte, le persone risultate positive al 'coronavirus covid19' sono al momento 482, quelle negative al test 1.986. Gli esami in corso sono 362.Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti: 115 a Torino, 58 ad Asti, 69 ad Alessandria, 23 a Biella, 14 a Cuneo, 24 a Novara, 24 a Vercelli  e 11 nel Vco.I casi positivi provenienti da fuori regione sono 18, mentre 126 casi sono ancora in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.In rianimazione sono ricoverate 74 persone. Lo rende noto la Regione Piemonte. 

Ore 19.05 Easyjet estende la cancellazione dei voli da a per l'Italia inizialmente annunciato per 2 giorni all'intero periodo compreso da oggi al 3 aprile. Lo rende noto un portavoce del vettore britannico, precisando che la compagnia garantirà nei prossimi giorni solo alcuni «voli di soccorso» per il rimpatrio e gli ultimi spostamenti essenziali nei due sensi (per «lavoro o salute») nei suoi collegamenti fra Italia e Regno Unito. I clienti dei voli cancellati saranno contattati via mail o sms con l'offerta di opzioni di rimborso o riprenotazione.

Ore 18.37 Coronavirus, il bollettino della Lombardia: 135 morti nella regione​

Ore 18.30 Coronavirus, superati i diecimila casi in Italia: oggi 168 morti. Le vittime salgono a 631, oltre mille i guariti IL BOLLETTINO DI OGGI

Ore 17.52 Emilia Romagna: oggi 15 morti, calano i contagi Sono 15 in più le vittime in Emilia Romagna, con il bilancio che sale a 85 morti dall'inizio dell'epidemia. I contagi sono arrivati a quota 1533 ma l'aumento odierno è di 147 casi, in calo rispetto ai giorni precedenti. 

Ore 17.45 In auto con tosse e febbre: denunciato Fermato dalla polizia a Forlì per un controllo, non aveva con sé nessuna autocertificazione, ma una tosse persistente e la febbre. Si tratta di un uomo, residente nel Pesarese, denunciato per aver violato le restrizioni imposte sui movimenti per contrastare la diffusione del Covid-19. È stato controllato al volante della propria vettura, nella zona della stazione ferroviaria. Agli agenti avrebbe detto di non avere avuto tempo per sottoporsi al tampone a causa della necessità di spostarsi in auto. Il personale del 118 è intervenuto, adottando le precauzioni del caso, e ha trasportato l'uomo all'ospedale cittadino dove si trova sotto osservazione.

Ore 17.29 A Roma più posti per le terapie intensive Gli ospedali romani si preparano a rispondere all'emergenza Covid-19. Al Policlinico Gemelli da lunedì saranno pronti 21 posti di terapia intensiva e 28 posti di ricovero per la nuova struttura 'Covid-19 Hospital 2' alla Columbus. All'Ifo-Regina Elena c'è la disponibilità di ricoveri oncologici per la rete regionale e la disponibilità della presa in carico di un paziente dalla Lombardia. Al Policlinico Tor Vergata da giovedì ci saranno 8 posti letto in più dedicati ai casi Covid-19. Venerdì al San Camillo apre il reparto di sorveglianza Covid-19. Lo rende noto l'assessorato alla Sanità della Regione Lazio sui social.  E ancora, all'Azienda ospedaliera Sant'Andrea saranno attivati 10 posti di malattie infettive e il 13 marzo saranno attivati 10 posti di pneumologia.  Il Policlinico Campus Biomedico ha attivato il laboratorio e sono stati fatti i primi 100 tamponi fatti. Inoltre sta mettendo a disposizione 2000 camici impermeabili per la rete regionale. Da stasera all'Inmi Spallanzani verranno attivati altri 5 posti di terapia intensiva e 14 pazienti saranno trasferiti alla Cecchignola. Infine, una buona notizia arriva dal San Giovanni, dove 78 operatori sanitari sono usciti dalla sorveglianza domiciliare. 

Ore 15.59 Costa, stop alle crociere fino al 3 aprile A seguito delle nuove misure introdotte dal Governo per contenere il coronavirus sul territorio nazionale, Costa Crociere ha deciso di interrompere i viaggi nel Mediterraneo fino al 3 aprile. «Le crociere attualmente in corso faranno scalo nei porti italiani solo per consentire agli ospiti di sbarcare e rientrare a casa, senza compiere escursioni o nuovi imbarchi», afferma la compagnia in una nota. 

«Come compagnia italiana e unico operatore di crociere battente bandiera italiana, il nostro impegno è quello di garantire il massimo supporto alle autorità e alla comunità italiane in questo sforzo straordinario per affrontare l'attuale situazione di emergenza», ha dichiarato Neil Palomba, Direttore Generale di Costa Crociere. La compagnia «sta provvedendo a informare gli ospiti interessati, offrendo loro un credito per una futura crociera, in modo che possano godere delle loro vacanze a bordo in un secondo momento», si legge in una nota. «Nei giorni scorsi Costa Crociere aveva già cancellato le prenotazioni di ospiti italiani in partenza per crociere al di fuori del Mediterraneo, nel tentativo di contenere i rischi e applicare le misure specifiche emanate dal governo italiano. La salute e sicurezza di ospiti ed equipaggio sono la priorità assoluta per Costa Crociere. A bordo delle navi Costa, il livello di sanificazione è stato ulteriormente rafforzato per garantire la massima igiene e sicurezza. Costa Crociere desidera inoltre ricordare che la compagnia ha adottato rigidi controlli sanitari all'imbarco sin dall'inizio dell'emergenza Covid-19», conclude la nota della compagnia.

Ore 15.37 Valle d'Aosta a turisti: tornate a casa «Invito i turisti ancora presenti in Valle d'Aosta a ritornare al proprio domicilio». L'appello arriva dall'assessore regionale alla sanità, Mauro Baccega, ed è condiviso dal Governo valdostano. «L'emergenza fa sì che si debbano adottare - spiega all'ANSA - le iniziative atte a contenere la diffusione del virus. La nostra Regione dispone di un solo ospedale, che difficilmente sopporterebbe una criticità locale di questo tipo. Il nostro sistema sanitario è già sotto stress e dover prestare cure ad altre persone oltre che ai residenti non può che aggravare la situazione». 

Ore 14.59 Polizia sui social: severamente vietati spostamenti «È severamente vietato ogni spostamento sull'intero territorio nazionale. Le uniche eccezioni: spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di salute. Ogni autodichiarazione verrà attentamente verificata». A ribadire, con un decalogo, le disposizioni previste dal nuovo Dpcm contro la diffusione del Coronavirus, sono anche i profili social della Polizia di Stato, che avverte sulle conseguenze per chi non osserva queste regole: arresto fino a 3 mesi o ammenda fino a 206 euro (articolo 650 del codice penale) o reclusione da uno a 12 anni (articolo 452 del c.p.).


«Posso uscire per situazioni di necessità? Solo per comprovate esigenze non rinviabili», si legge ancora in uno dei post della polizia, che tenta di rispondere così alle domande dei cittadini sulle disposizioni per arginare il rischio del contagio da Covid-19. Secondo queste ultime, è possibile «fare la spesa per il sostentamento», ma bisogna «evitare gli acquisti superflui» ed è consentito spostarsi per «situazioni familiari urgenti (congiunti malati), gestione quotidiana degli animali domestici, attività motoria e sportiva all'aperto, purché a distanza di almeno un metro». Si ricorda anche che in generale la violazione dell'isolamento, per chi è in quarantena o positivo al virus, prevede la reclusione da uno a 12 anni.

Ore 14.38 Sindacati a Fontana: fermiamo tutto I segretari regionali di Cgil Cisl e Uil hanno inviato una lettera al presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, per chiedere di «fermare ogni attività economia, produttiva, di servizio che non sia essenziale». La situazione dei presidi sanitari, quale ci viene rappresentata anche dai lavoratori e lavoratrici della sanità nostri associati, è di fatto al «collasso e agli stessi operatori sono richieste prestazioni orarie e carichi di lavoro già insostenibili», affermano Elena Lattuada, Ugo Duci e Danilo Margaritella. 

Ore 14.25 Donna con sintomi rifiuta ricovero: sottoposta a Tso Una donna di 78 anni è stata sottoposta a Tso e ricovero coatto, dopo essere stata visitata al Policlinico di Monza per febbre alta, insufficienza polmonare bilaterale e tosse, sintomi tipici del Coronavirus. La 78 enne, una volta informata della possibile diagnosi, ha rifiutato il ricovero e, supportata dal marito, voleva rientrare a casa, dando in escandescenza e minacciando medici e infermieri di denuncia per sequestro di persona. Sul posto è intervenuta la Polizia Locale di Monza, che ha proceduto al trattamento sanitario obbligatorio, in attesa dell'esito del tampone.

Ore 14.10 Malta interrompe traffico passeggeri Una corsa straordinaria di catamarano fra Malta e Pozzallo e un volo charter fra La Valletta e Roma saranno 'presumibilmentè organizzati entro oggi per gli italiani temporaneamente presenti a Malta che intendono rientrare in Italia. Lo rende noto l'ambasciata italiana. Il governo maltese ha interrotto il traffico passeggeri da e per l'Italia. Gli interessati devono inviare un'email a cons.lavaletta esteri.it. Per le emergenze i numeri sono +35621233157 o +35622489800.

Ore 13.55 Ryanair cancella tutti i voli Ryanair cancella tutti i voli da e per l'Italia da sabato fino al 9 aprile dopo le ultime misure adottate dal governo italiano per il contrasto del coronavirus. Lo annuncia un portavoce della compagnia citato dall'agenzia britannica Press Association.

Ore 13.50 Protezione Civile: non assaltate i supermercati «Non bisogna assaltare i supermercati, la catena alimentare e di distribuzione non sarà mai interrotta e i supermercati saranno sempre riforniti». È l'appello che il vice capo della Protezione Civile e coordinatore del Comitato tecnico scientifico Agostino Miozzo rivolge agli italiani. «I negozi di generi alimentari avranno tutto il necessario per la quotidianità - ribadisce - ci sarà tutto quello che serve e saranno sempre a disposizione».

«L'unica grande arma che abbiamo per limitare e contenere il virus è la distanza fisica, è importante e fondamentale il distanziamento sociale, le persone devono state lontane le une dalle altre». Lo dice il coordinatore del comitato tecnico-scientifico della Protezione Civile Agostino Miozzo ribadendo l'invito agli italiani «a rimanere a casa». «Restate a casa il più possibile - ripete - bisogna avere pazienza e sopportare difficoltà, ma è l'unico strumento che abbiamo per limitare il contagio».

Ore 13.42 A Wuhan chiusi tutti gli ospedali da campo Le autorità di Wuhan, capoluogo della provincia cinese dell'Hubei ed epicentro dell'epidemia di Covid-19, hanno chiuso gli ultimi due ospedali provvisori allestiti per accogliere i pazienti contagiati dal coronavirus, segnando così la chiusura di tutte e 16 le strutture dedicate in città. Gli ultimi 49 pazienti dimessi dall'ospedale di Wuchang hanno lasciato la struttura oggi.

Ore 13.36 Ingressi a piazza San Pietro col contagocce Ingressi a piazza San Pietro al 'contagoccè. Per accedere alla piazza, e poi in basilica, la polizia chiede il motivo e consente la possibilità solo a singoli. Secondo quanto si apprende, questa mattina, si sarebbero presentati agli ingressi fedeli e turisti in gruppo. Per evitare assembramenti si chiede di accedere singolarmente. Ma di fatto ora entrano in piazza solo persone del Vaticano o persone con motivi di lavoro come i giornalisti. In quest'ottica potrebbe anche essere rivista le trasmissione dell'udienza del Papa di domani sui maxischermi. 

13.05 Fontana: chiudere tutto «È il tempo della fermezza. Ho incontrato i sindaci dei capoluoghi lombardi e il presidente di Anci Lombardia, chiedono tutti la stessa cosa: chiudere tutto adesso (tranne i servizi essenziali) per ripartire il prima possibile. Le mezze misure, l'abbiamo visto in queste settimane, non servono a contenere questa emergenza». Lo ha scritto sulla sua pagina Facebook il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, dopo l'incontro di questa mattina in video conferenza con i sindaci dei comuni capoluogo di provincia della Lombardia. 

Ore 12.49 Albania sospende ingressi dall'Italia  L'Albania ha deciso di imporre il divieto totale dei collegamenti aerei e marittimi con l'Italia: lo ha reso noto oggi il ministro albanese per l'Infrastruttura Belinda Balluku. «Il nostro provvedimento segue la proclamazione ieri sera di tutta l'Italia quale zona protetta da parte del premier Giuseppe Conte», ha spiegato Balluku. L'ultimo aereo verso l'Italia è stato quello dell'Alitalia delle ore 11.25 verso Roma, mentre gli ultimi traghetti di linea partiranno questa sera verso Bari e Brindisi. «Voglio precisare che il provvedimento riguarda solo il trasporto passeggeri. Le navi commerciali potranno normalmente proseguire la loro attività mentre i loro equipaggi saranno sottoposti ai controlli medici», ha detto Balluku. Il ministro albanese ha poi riferito che nel caso le autorità italiane volessero riportare in patria cittadini italiani rimasti in Albania, ciò potrebbe avvenire solo tramite velivoli e navi che verranno in Albania senza passeggeri. In Albania fino adesso sono 6 i casi di coronavirus, di cui un 28 enne rientrato da Firenze il quale ha contagiato altri 4 suoi familiari, e un altro 31 enne rientrato 7 giorni fa da Milano, dopo essersi fermato in Italia solo 24 ore. 

Ore 12.30 Altri quattro morti in Piemonte Altre quattro persone, risultate positive al coronavirus, sono decedute nelle scorse ore in Piemonte. Due di queste, entrambi dell'Alessandrino, erano ricoverate presso il reparto di malattie infettive dell'ospedale di Alessandria: un uomo di 85 e una donna di 79 anni. Il terzo decesso, sempre di un alessandrino, di 84 anni, si è registrato presso l'ospedale di Vercelli. All'ospedale Maggiore della Carità di Novara è morta una donna di 88 anni, novarese, ricoverata in rianimazione. Salgono così a 17 i deceduti positivi al virus in Piemonte. Le persone risultate positive al covid-19, in Piemonte, sono al momento 401. I ricoverati in terapia intensiva sono 65. 

Ore 12.01 In Belgio salgono i contagi Il Belgio aggiorna il numero di contagi da coronavirus nel Paese con 28 nuove persone risultate positive (17 nelle Fiandre, 3 a Bruxelles e 8 in Vallonia), portando così il numero totale a 267. I nuovi casi sono stati rilevati dopo aver effettuato 443 test in laboratorio, precisa il servizio sanitario federale nel suo bollettino quotidiano. «La tendenza osservata questo weekend è proseguita lunedì», si legge nel comunicato, «nel corso degli ultimi tre giorni i laboratori hanno identificato rispettivamente 31, 39 e 28 casi positivi al contagio da Covid-19. Attualmente non c'è un'aumento esponenziale del numero di casi. I rientri dalle vacanze in Italia sono ormai terminati e le persone malate sanno che è molto importante restare a casa propria, per evitare la propagazione del virus e proteggere i loro entourage. Questa situazione permette di rallentare temporaneamente il numero di casi». «Constatiamo però una circolazione locale sul nostro territorio» del virus, precisa il servizio sanitario, «e nuovi casi saranno ancora da identificare nei prossimi giorni».

Ore 11.55 Austria, stop agli italiani Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha annunciato uno stop degli ingressi dall'Italia. «Gli austriaci, che si trovano in Italia, vengono riportati in Austria, ma devono restare per due settimane in autoisolamento», ha detto Kurz, secondo il quotidiano Der Standard. Il provvedimento - ha aggiunto - è concordato con l'Italia. 

Ore 11.45 Zingaretti: rispettare le regole, bene governo «Ciao a tutte e a tutti! Con i suoi provvedimenti il Governo ha fatto molto bene. Ora bisogna stare a casa e non uscire se non per motivi indispensabili. Bisogna informarsi e rispettare le regole. Dobbiamo farlo per il nostro Paese e anche per aiutare gli operatori della sanità che sono in trincea da settimane a lottare per la nostra vita e per la nostra salute. Ora è il momento della responsabilità e dell'unità, perché abbiamo bisogno gli uni degli altri». Così Nicola Zingaretti su fb. 
 

Ore 11.30 Salvini: chiudere tutto per due settimane «A Codogno l'isolamento ha funzionato, è una bella notizia. Ma perché funzioni in tutta Italia bisogna chiudere TUTTE LE ATTIVITÀ (salvo quelle di vitale pubblica necessità) per due/tre settimane, con garanzia di copertura economica totale da parte dello Stato, dell'Europa e della BCE, e su questo cercheremo di convincere il governo». Lo scrive su facebook il leader della Lega Matteo Salvini.
 


Ore 11.24 Stop a Porta a porta, ira Vespa «Apprendo che la direzione generale della Rai avrebbe deciso di non mandare in onda 'Porta a portà nelle giornate di oggi, mercoledì, giovedì. Da soldato, sono abituato da sempre a rispettare le decisioni aziendali. Ma questa mi sembra gravissima e pretestuosa». Lo sottolinea Bruno Vespa, spiegando, tra l'altro, che «Nicola Zingaretti è venuto a Porta a porta nel pomeriggio di mercoledì scorso e ha manifestato i primi sintomi di positività al virus sabato. Il direttore generale dello Spallanzani, professor Ippolito, mi ha confermato che il rischio si limita alle persone che nelle 48 ore precedenti (e non 72, come nel nostro caso) abbiamo avvicinato la persona infetta per più di mezz'ora a meno di un metro di distanza. Questo con Zingaretti non è avvenuto. Non esiste pertanto nessuna ragione sanitaria su cui si fondi il provvedimento».

Ore 11.21 Cancellati tutti i voli British per l'Italia La British Airways ha annunciato oggi lo stop di tutti i voli da e per l'Italia, in seguito alle decisioni adottate ieri dal governo italiano per l'intero territorio nazionale. Finora la compagnia di bandiera britannica si era limitata a cancellare parte dei suoi collegamenti fra il Regno e la Penisola a causa dalla diminuzione delle prenotazioni sullo sfondo dell'emergenza coronavirus e, successivamente, a cancellare i voli da e per Milano, Venezia e Bergamo. 

Ore 11.19 Annullati 30 voli tra Italia e Bruxelles Trenta voli fra l'Italia e l'aeroporto di Bruxelles sono stati annullati oggi come conseguenza delle misure prese dal governo italiano per arginare l'epidemia di coronavirus. Lo riporta l'agenzia di stampa Belga, specificando che si tratta di 15 voli in partenza e 15 in arrivo dalla Penisola, alcuni dei quali della compagnia Brussels Airlines, che ha deciso di annullare alcune le rotte su Milano e Venezia. 

Ore 11.10 Solo 19 nuovi casi in Cina La Cina ha registrato appena 19 nuovi contagi del coronavirus: secondo quanto riferito dalla Commissione sanitaria nazionale, 17 sono relativi alla provincia dell'Hubei, mentre uno a Pechino e un altro nel Guangdong. 

Ore 11.01 Chiuso il confine del Brennero «Con l'estensione della zona protetta su tutta l'Italia, possiamo dire che saranno chiusi i confini» al Brennero, «ad eccezione del traffico di rientro». Lo ha detto il governatore tirolese Guenther Platter, secondo l'agenzia Apa. Platter ha parlato di una «situazione drammatica in Italia». «Ora serve calma e prudenza», ha aggiunto. I controlli riguardano anche passo Resia e Prato alla Drava.

Ore 10.32 Impennata casi in Veneto Forte balzo in avanti dei casi di positività al Coronavirus in Veneto, con 85 nuovi malati rispetto a ieri sera. I casi totali salgono a 856, e cresce anche il numero dei morti: 26, con 5 nuove vittime, 4 delle quali sono pazienti che si trovavano ricoverate a Treviso. Lo rende noto l'ultimo report diffuso dalla Regione Veneto. Quasi stabile il numero delle persone ricoverate, 204 (+1), mentre sono 67 (+6) quelle in terapia intensiva. I malati dimessi sono finora 47.

Ore 10.13 Le borse reagiscono Borse europee sugli scudi dopo il riambalzo dell'apertura a seguito del rialzo del prezzo del greggio, che nella vigilia aveva mortificato i listini. Milano (+3%) è la migliore, seguita da Parigi (+2,9%), Madrid (+2,7%), Londra (+2,67%) e Francoforte (+2,44%). Sugli scudi Eni (+6%), Saipem 8+5,8%), Shell (+4,9%) e Total (+4,99%). Il completamento degli studi per un test sul coronavirus spinge Diadsorin (+11,88%) e, di riflesso, Novartis (+3,79%) a Zurigo e Galapagos (+4,45%) sulla piazza di Amsterdam.

Ore 10.06 Colpiti tutti i Laender tedeschi Con il primo contagio ufficiale in Sachsen-Anhalt, tutti i 16 Laender tedeschi sono adesso colpiti dal Coronavirus. Del caso ha riferito il ministero sociale di Magdeburgo.

Ore 10.01 Guarito l'assessore Emilia Romagna L'assessore alla Sanità dell'Emilia-Romagna, Raffaele Donini, è guarito dal coronavirus. Era risultato positivo circa una settimana fa, pochi giorni dopo l'inizio del suo incarico, costringendo il governatore Stefano Bonaccini a richiamare il suo predecessore, Sergio Venturi, con il ruolo di commissario per l'emergenza. Ad annunciarlo è stato lo stesso Donini: «Sono negativo, ho vinto la mia battaglia e ora sono pronto a combattere insieme a voi per vincere la guerra contro il virus». «Mi sono attenuto strettamente alle indicazioni dei medici e ho osservato l'isolamento richiesto sperando, di ora in ora, che potessi vincere questa sfida. Così è stato. Ora i controlli di prassi e domani al lavoro». Pur positivo, Donini è sempre stato asintomatico e ha voluto fare gli auguri all'altro assessore positivo della giunta, Barbara Lori, che invece è ancora ricoverata a Parma, «e a tutti coloro che stanno lottando con questo nemico invisibile».

Ore 9.50 Ue: in tempi eccezionali misure eccezionali «Il nostro patto di stabilità e crescita prevede flessibilità per far fronte a eventi insoliti come questo e la nostra lettera rivolta all'Italia è molto chiara su questo punto: sappiamo benissimo che momenti eccezionali richiedono misure eccezionali e siamo in un momento di questo tipo e siamo impegnati con gli stati membri a utilizzare tutti gli strumenti politici adeguati per salvaguardare la situazione rispetto ai rischi negativi che si possono materializzare». Lo ha detto il commissario Ue per la gestione delle crisi Lenarcic.

Ore 9.48 Oltre 1.100 ventilatori in 15 giorni Entro 3 giorni 119 ventilatori, 200 tra 4 e 7 giorni e 886 tra 8 e 15 giorni . Sono le date di consegna previste per i ventilatori per la terapia intensiva e sub intensiva oggetto della gara di Consip. Per altri 2.713 la consegna è prevista tra 16 e 45 giorni.

Ore 9.45 Test rapido in 60 minuti Il test molecolare di rapida risposta di Diasorin permetterà di ottenere risultati entro 60 minuti rispetto alle 5-7 ore attualmente necessarie con altre metodologie. Sarà reso disponibile probabilmente entro marzo allo Spallanzani di Roma e al San Matteo di Pavia e l'iter di registrazione sarà presentato alla Food and Drug Administration per l'Emergency Use Authorization. «Ci siamo attivati non appena sono state rese pubbliche le informazioni sulla sequenza genetica del virus, collaborando con i Centri di Riferimento italiani e statunitensi per sviluppare test molecolari veloci e accurati per fronteggiare questa emergenza sanitaria», sottolinea Giulia Minnucci, R&D Director Europe in DiaSorin.

In tal senso Minnucci spiega: «abbiamo analizzato oltre 150 sequenze virali pubblicate oggi nel database mondiale delle banche genetiche e disegnato un test destinato a rilevare tutte le varianti attualmente conosciute del Coronavirus Covid-19». «Riteniamo di fondamentale importanza sviluppare un test per l'identificazione del Coronavirus in grado di fornire risultati precisi in tempi rapidi e orientare al meglio le decisioni cliniche», aggiunge John Gerace, presidente di DiaSorin Molecular. «Come specialisti della diagnostica - conclude - abbiamo il dovere di rispondere a questa emergenza nel modo più rapido possibile, mobilitando i nostri ricercatori per realizzare un test di diagnostica molecolare che, ci auguriamo, possa contribuire a contenere questa nuova emergenza sanitaria».

Ore 9.11 Sindaco Lucca positivo  Il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini è risultato positivo al covid-19. Lo rende noto il Comune spiegando che il primo cittadini «è stato colto nella giornata di ieri (lunedì 9 marzo) da sintomi influenzali. Sottoposto da personale AslL al tampone, è risultato positivo al coronavirus Covid-19». Il sindaco, si spiega ancora, «è in buone condizioni di salute e si trova presso il suo domicilio seguito da personale medico».

Ore 9.05 Malta chiude a Italia Malta ha sospeso i collegamento passeggeri con l'Italia, aeri e navali. La decisione, presa in conseguenza alle misure italiane, è stata comunicata nella notte dal primo ministro, Robert Abela, in una conferenza stampa in cui ha reso noto nota anche una quarta positività al virus sull'isola, dopo quella di una famiglia italiana rientrata dal Trentino. Sull'isola vivono oltre 9 mila italiani residenti, ai quali vanno aggiunti almeno altri 15 mila per lavoro, studio o turismo. Il primo ministro maltese ha specificato che da e per l'Italia da stanotte non possono più viaggiare passeggeri, per nessuna ragione. I catamarani del collegamento veloce navale con Pozzallo, in Sicilia (circa un'ora e mezza di viaggio), saranno utilizzati solo per assicurare il regolare flusso degli approvvigionamenti di medicine, cibo e merci. Nella conferenza stampa notturna Abela ha precisato che il governo maltese si riunirà stamani e deciderà come assistere le dozzine di maltesi attualmente bloccati in Italia. All'ingresso di tutte le strutture sanitarie l'accesso di tutti è filtrato: chiunque recentemente abbia visitato un Paese in una lista una lista di 22, quindi non solo l'Italia, deve indossare la mascherina e viene informato sulla «opportunità» di sottoporsi al test, come ha constatato l'ANSA ieri.

Ore 8.40 Gallera: non si intravede declino La diffusione del coronavirus «è così veloce per cui rischia di coinvolgere un numero altissimo di persone. Ad oggi non si intravede una riduzione, un momento in cui inizia a declinare, tranne che nella rossa del lodigiano, dove abbiamo adottato misure molto forti». A dirlo è stato l'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera ad Aria Pulita su 7 Gold. «Lì c'è una stabilità» dei contagi «che addirittura tende a decrescere» quindi vuol dire «che una strada c'è per contrastare il coronavirus, ma dipende da noi», ha detto l'assessore.

Ore 7.03 Vienna richiama austriaci dall'Italia Il ministero degli esteri di Vienna ha diffuso un appello agli austriaci, che attualmente si trovano in Italia, a tornare in Austria. Inoltre, mette in guardia i suoi cittadini da viaggi in Italia, dopo il nuovo decreto sull'emergenza coronavirus.

Ore 5.05 Contagi rallentano in Corea del Sud La diffusione del coronavirus frena ancora in Corea del Sud: i nuovi casi registrati ieri sono stati 131, al passo più lento delle ultime due settimane, dopo i 248 di domenica, i 367 di sabato, i 438 di venerdì e i 518 di giovedì. Il totale delle infezioni, ha riferito il Korea Centers for Disease Control and Prevention, è salito a 7.513. I decessi sono aumentati di 3 unità, a 54. Mentre i nuovi guariti sono 81 per totali 247. Il 63% dei contagi accertati fa capo agli adepti della Chiesa di Gesù Shincheonji che ha sede a Daegu. 

Ore 4.01 Cina, altri 17 morti La Cina ha registrato altri 17 decessi collegati al coronavirus, portando il conto dei morti nel mondo oltre quota 4.000, a 4.012, secondo il conteggio della Johns Hopkins University. Il contagio, partito dalla Cina, ha ormai toccato oltre 100 Paesi, causando più di 110mila casi di infezione. 

Ultimo aggiornamento: 11 Marzo, 13:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento