Coronavirus, 827 morti in Italia. Oltre mille persone in terapia intensiva

Mercoledì 11 Marzo 2020
Coronavirus, 827 morti in Italia. Oltre mille persone in terapia intensiva DIRETTA
Continua l'emergenza coronavirus in Italia, e i dati continuano a crescere. Sono 10.590 i malati, 2.076 in più di ieri, mentre il numero complessivo dei contagiati - comprese le vittime e i guariti - ha raggiunto i 12.462. Le vittime sono complessivamente 827: rispetto a ieri sono 196 in più, ha detto Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile e commissario per l'emergenza, in conferenza stampa.

Leggi anche > Oms dichiara la pandemia: «Ospedali italiani a rischio affaticamento»

Sono 1.045 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 41 in più di ieri. Superati i mille malati in terapia intensiva: sono 1.028, 151 in più rispetto a ieri. Dei 10.590 malati complessivi, 5.838 sono poi ricoverati con sintomi e 3.724 sono quelli in isolamento domiciliare. «Avevamo detto che i dati della Lombardia erano parziali e oggi abbiamo numeri che fanno sì che i dati possano apparire come un numero elevato, ma in realtà la crescita odierna è nel trend dei giorni scorsi», ha detto Borrelli sottolineando che sono circa 600 i malati di cui ieri non erano disponibili i dati.

Leggi anche > Cosa resta aperto se chiude tutto

DIRETTA 

Ore 19.44 Altri 25 contagiati in Puglia, 5 morti Sono 25 i casi positivi all'infezione da Coronavirus accertati oggi in Puglia, su un totale di 140 tamponi eseguiti. Lo comunica il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro. I casi positivi sono così suddivisi: 4 in Provincia di Bari; 2 in Provincia Bat; 9 in Provincia di Brindisi; 9 in Provincia di Foggia; 1 in provincia di Taranto. Con questo aggiornamento salgono a 90 i casi positivi registrati in Puglia, cinque al momento i decessi.

Ore 19.30 Chiudono i Burger King Burger King Restaurants Italia, «pur in mancanza di una direttiva specifica, ha deciso in maniera responsabile la chiusura temporanea di tutti i propri ristoranti diretti presenti sul territorio nazionale a partire da domani e fino a che l'emergenza Coronavirus non sarà rientrata. L'Azienda è già stata seguita in questo sforzo da molti dei propri franchisees in tutta Italia». Ad annunciare la decisione è l'amministratore delegato Andrea Valota: «Da domani tutti i ristoranti di proprietà di Burger King Restaurants Italia resteranno temporaneamente chiusi fino a quando l'emergenza non sarà rientrata. Si tratta di una misura sicuramente drastica, ma doverosa, al fine di preservare la salute dei nostri dipendenti e di tutti i nostri clienti, contribuendo così a invitare le persone a non uscire da casa». Burger King Restaurants Italia devolverà la materia prima presente nei ristoranti ad onlus e associazioni di pubblica assistenza che si occuperanno del recupero del cibo in modo da minimizzare il più possibile lo spreco di cibo.

Ore 19.15 Tim, giga illimitati a tutti gli italiani Giga senza alcun tetto sul telefonino, chiamate illimitate per il fisso, accesso gratuito a Tim Vision dalla rete fissa, e 100 giga al mese per i telefonini mobili delle imprese: Tim ha deciso di estendere a tutta Italia le agevolazioni previste per la prima zona rossa dell'emergenza Coronavirus. Ad annunciarlo all'ANSA è il Chief Technology and Information Officer di Tim, Michele Gamberini. «La decisione è presa ed estenderemo l'iniziativa a tutta Italia ai clienti consumer, cioè a famiglie e studenti».

Ore 19.01 L'Italia al telefono, raddoppia traffico L'Italia a casa usa il telefono e il computer per mantenersi in contatto con gli altri. «Stiamo registrando - afferma all'ANSA il Chief Technology and Information Officer di Tim, Michele Gamberini - un incremento importante del traffico: sulla rete fissa sale del 100%, un vero e proprio raddoppio rispetto alla situazione pre-crisi. Sulla rete mobile l'incremento è più contenuto, attorno al 20%, anche se si registra un importante aumento del traffico voce, che non contribuisce ai volumi ma ha importanza nella relazioni personali. La rete non ha problemi». 

Ore 18.45 Spallanzani cerca 24 anestesisti L'Ospedale Spallanzani di Roma cerca 24 anestesisti con disponibilità immediata per le esigenze assistenziali legate all'emergenza coronavirus. L'Ospedale ha pubblicato un bando in cui si invitano i medici anestesisti e rianimatori a esprimere una 'manifestazione di interesse per soli titoli con disponibilità immediatà per un impegno di 12 mesi a tempo pieno. La domanda redatta in carta semplice dovrà essere inviata all'indirizzo di posta elettronica certificata concorsi pec.inmi.it, specificando nell'oggetto 'Manifestazione d'Interesse per soli titoli con disponibilità immediata per n. 24 posti di Dirigente Medico disciplina Anestesia e Rianimazione per le esigenze assistenziali dell'INMI Lazzaro Spallanzani IRCCS'. 

Ore 18.38 Tajani a Conte: chiudere tutto «L'Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato che quella del #COVID19 è una #pandemia. Il governo non perda altro tempo e decida di #chiuderetutto. L'Italia deve diventare #zonarossa. Salvare vite e bloccare il virus deve essere la priorità di tutti». Lo scrive su Twitter il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani. 

Ore 18.20 Iss: virus non è più aggressivo in Italia «L'Iss ha isolato e sequenziato il genoma del virus di un paziente cinese allo Spallanzani e di un paziente lombardo, tutto il genoma. Ora facciamo lo stesso con un paziente veneto. Ci sono solo piccole mutazioni, il virus è come quello cinese, che viene da Wuhan, non è diventato più aggressivo» in Italia. Lo ha detto Giovanni Rezza dell'Iss in conferenza stampa, rispondendo a una domanda. 

Ore 18.09 Due miliardi per personale e macchinari sanità L'intervento da 25 miliardi con cui il governo intende fronteggiare l'emergenza economica del coronavirus partirà dagli aiuti alla sanità, «per dare una mano ai nostri medici e infermieri: pensiamo di stanziare circa due miliardi per supporti tecnici, nuovi macchinari, mascherine, e anche personale, straordinari, assunzioni a tempo. La sanità innanzitutto». Lo dice Pier Paolo Baretta, sottosegretario all'Economia, in un post sulla pagina facebook del Pd Veneto.

Ore 17.43 L'Oms dichiara la pandemia «Abbiamo valutato che il COVID-19 può essere caratterizzato come una situazione pandemica». Lo ha annunciato il capo dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus nel briefing da Ginevra sull'epidemia di coronavirus. «Siamo incoraggiati dalle misure aggressive adottate dall'Italia, speriamo che abbiano effetti nei prossimi giorni».

Ore 17.20 Insegnante positiva nel brindisino Un altro caso di positività al coronavirus è stato confermato dal sindaco di Francavilla Fontana, nel Brindisino. Si tratterebbe, di una insegnante di una scuola superiore, che è ricoverata all'ospedale Perrino di Brindisi e che sarebbe in buone condizioni di salute. La Asl ha avviato i dovuti accertamenti per verificare le modalità di contagio e per individuare le persone con cui la donna è stata in contatto negli ultimi giorni, sia all'interno della scuola che al di fuori. Anche il sindaco di Mesagne, sempre nel Brindisino, ha annunciato la positività al tampone di una persona residente nel suo comune che da giorni era già in quarantena.

Ore 17.01 Prima vittima in Svezia La Svezia registra la prima vittima da coronavirus e la prima nei paesi nordici. Lo hanno reso noto le autorità sanitarie locali. Nel paese scandinavo sono poco meno di 500 i casi di coronavirus accertati finora. 

Ore 16.55 Vodafone toglie limite giga per studenti Vodafone eliminerà per un mese il limite di Giga per tutti i giovani clienti studenti a partire da quelli delle scuole superiori per favorire l'accesso al digital learning con scuole e università chiuse. Lo annuncia in una nota la società che a febbraio aveva avviato la stessa operazione a per i clienti residenti nelle aree del primo cordone sanitario e successivamente alle imprese di tutto il territorio nazionale per favorire lo smart working. I ragazzi riceveranno un sms per attivare il servizio che poi cesserà automaticamente.

Ore 16.30 Ucraina sospende voli per l'Italia Il primo ministro ucraino Denis Shmygal ha annunciato la sospensione dei voli con l'Italia. Lo riporta Interfax.

Ore 16.25 Aeroflot sospende voli  «L'Aeroflot sospenderà i voli verso diverse città in Italia, Spagna, Francia e Germania dal 13 marzo al 30 aprile». Lo ha dichiarato la compagnia di bandiera russa in una nota, ripresa da Interfax. Per quanto riguarda l'Italia, Aeroflot volerà su Roma mentre i collegamenti con Milano, Venezia, Bologna, Verona e Napoli sono sospesi. 

Ore 16.21 Slovenia: non abbiamo chiuso confini con l'Italia La Slovenia non ha chiuso il confine con l'Italia ma ha limitato l'accesso a soli sei punti di valico - Fernetti, Racchia, Robis, San Pietro-Vertoiba, Rabuiese-Skofije, e il passaggio di Krvavi potok nei pressi di Cosina - chiudendo tutti gli altri per poter meglio controllare gli ingressi. Lo ha detto il ministro della Salute, Ales Sabeder, precisando che gli stranieri possono entrare solo se in possesso di un certificato medico rilasciato loro dall'autorità competente non più di tre giorni prima che attesti la negatività al coronavirus. 

Ore 16.15 Altri 23 casi in Slovenia In Slovenia si sono registrati 23 nuovi casi di contagio da coronavirus, con il totale salito a 57. Ne ha dato notizia il ministro della Sanità Ales Sabeder. Si tratta dell'incremento maggiore di casi registrato finora da un giorno all'altro.

Ore 16.11 Sindaco Codogno: nostro modello funziona «Il modello zona rossa ha funzionato. Quel che è certo è che il trend dei contagi da qualche giorno è negativo e speriamo vada avanti così. Questo non vuol dire, però, che l'emergenza sia finita». Così Francesco Passerini, il sindaco di Codogno, uno dei 10 comuni del Lodigiano che per due settimane sono stati isolati con il divieto di ingresso e uscita dall'area. Passerini è stato prudente e all'ANSA ha detto che «è da prendere con le pinze» il dato per cui ieri a Codogno non si sono registrati nuovi casi «perché bisogna vedere l'andamento dei prossimi giorni». 

Ore 16.05 Brussels Airlines ferma tutti i voli da e per l'Italia Brussels Airlines sospende tutti i suoi voli da e per l'Italia tra il 12 marzo e il 3 aprile. Lo riferisce una nota della compagnia precisando che «a seguito dell'annuncio del governo italiano di attuare ulteriori restrizioni di quarantena per contenere l'ulteriore diffusione dell'epidemia di Coronavirus e a causa delle restrizioni del governo nazionale, Brussels Airlines è costretta a cancellare i suoi voli rimanenti da e per l'Italia tra il 12 marzo e il 3 aprile».

Ore 16.01 Tre morti in Belgio Due nuovi decessi in Belgio legati all'epidemia di coronavirus, che si aggiungono alla morte di una signora di 90 anni confermata questa mattina. Salgono così a tre i decessi nel Paese. Lo comunica il servizio sanitario federale. Le due persone morte avevano 73 e 86 anni. La prima era ricoverata in terapia intensiva, mentre la seconda era stata messa in isolamento in una casa di riposo dopo che i test avevano confermato la sua positività al virus.

Ore 15.45 Gualtieri: Ue sia unita «Le conclusioni del Presidente del Consiglio Ue dimostrano che l'Europa è pronta a fare tutto il necessario per far fronte a questa emergenza: l'unità dell'Europa è una risorsa indispensabile». Lo afferma il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, parlando al Senato.

Ore 15.34 Sei contagiati in Commissione Ue Salgono a sei i casi positivi al Coronavirus tra lo staff della Commissione Ue. È quanto fa sapere un portavoce dell'esecutivo Ue. «La Commissione ha preso misure precauzionali per i colleghi che sono stati a contatto con loro», ha detto il portavoce. 

Ore 15.25 Klm sospende voli La compagnia aerea olandese Klm ha sospeso tutti i voli per Milano, Napoli e Venezia fino al prossimo 3 aprile. Lo riporta Bloomberg, che cita l'agenzia di stampa olandese Anp.

Ore 15.17 Quattro frati positivi, appello a chi si è confessato Quattro frati del convento francescano di Lendinara (Rovigo) sono risultati positivi al tampone per il Coronavirus, e ora tutta la comunità di 20 religiosi è in isolamento fiduciario. Lo conferma all'ANSA il padre guardiano. Appreso l'esito del test, i frati hanno subito lanciato un appello ai fedeli che avevano fatto la confessione nella chiesa di Sant'Agata il giorno 7 marzo - prima i religiosi erano altrove - perchè contattino velocemente l'Uls.

Ore 15.00 Portogallo sospende traffico aereo con Italia Le autorità del Portogallo hanno annunciato la sospensione del traffico aereo con l'Italia a partire dalle 23.59 del 10 marzo, per un periodo di 14 giorni. Lo rende noto il sito Viaggiare Sicuri della Farnesina. 

Ore 14.47 Olanda: superati i 500 casi Supera quota 500 il numero di positivi al coronavirus nei Paesi bassi. Sono 121 i nuovi casi confermati dall'Istituto nazionale per la sanità pubblica nel suo bollettino quotidiano. Il numero totale dei contagi arriva così a 503, e si allunga anche la lista dei decessi, saliti a cinque. L'ultima vittima è una persona di 68 anni. Secondo le autorità, 199 persone su 503 hanno contratto il virus all'estero. La regione più colpita è quella del Brabante Settentrionale.

Ore 14.46 Francia: due casi in due licei a Parigi Due casi di coronavirus sono stati confermati nei licei parigini Paul-Valery e Villon. Lo riporta Bfmtv, precisando che il primo caso riguarda un membro del personale del Paul-Valéry che non era stato in contatto con gli studenti. Al liceo Villon invece ad essere stata trovata positiva al virus è una ragazza, malata dal 27 febbraio, ricoverata e sottoposta a test il 4 marzo.

Ore 14.20 «Ieri sera è morto il secondo contagiato di Vò». Lo ha confermato stamani il presidente del Vento, Luca Zaia, sul decesso di Renato Turetta, 67 anni, l'anziano amico di Adriano Trevisan, la prima vittima italiana per Coronavirus, e con questi ricoverato a Schiavonia e quindi a Padova. «C'è bisogno - ha aggiunto Zaia - di un grande atto di civiltà e di responsabilità, ce la facciamo, ma dobbiamo uscirne con le ossa poco rotte. Non voglio dire che è andata bene, bene sarebbe poter dire zero morti». «Se continua così si chiuderà tutto per forza, perché saremo tutti con il virus, e dico ai veneti: dateci una mano a rallentare la diffusione». È l'appello del presidente del Veneto Luca Zaia. «Lasciamo perdere - ha aggiunto - quel che abbiamo detto in passato, la verità è che il virus fa danni peggiori di qualsiasi influenza, non è normale che muoiano 29 persone in meno di 15 giorni», ha concluso.

Ore 13.50 Coronavirus in Lombardia: cosa resta aperto se chiude tutto. La lettera di Fontana al governo​ 

Ore 13.40 Merkel: «A rischio contagio 70% dei tedeschi» «Gli esperti dicono che potrà infettarsi fino al 70% della popolazione». È quello che ha ribadito oggi a Berlino in conferenza stampa Angela Merkel, sottolineando che la vera sfida sarà «guadagnare tempo». Merkel ha anche insistito sulla circostanza che il virus non sia ancora ben conosciuto e che al momento non c'è un vaccino. 

Ore 12.30 Coronavirus, Lombardia chiede la chiusura totale. Fontana: «Inviate al governo proposte per misure contenimento». «Abbiamo inviato al Governo le proposte concordate con i sindaci relative a ulteriori misure di contenimento della diffusione del Coronavirus». Lo comunica il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.«Il documento - prosegue Fontana - contiene il dettaglio di quelle che sono le iniziative che consideriamo indifferibili sulla base dei dati scientifici in nostro possesso e già comunicati ieri pomeriggio al Governo, nel corso della riunione con i ministri Boccia e Speranza e con i presidenti delle Regioni, oltre che all'Istituto Superiore di Sanità».

Ore 11.24 Nel mondo 4.281 morti: l'Italia la più colpita dopo la Cina Dall'apparizione del coronavirus lo scorso dicembre, 118.554 casi di infezione sono stati registrati in 110 Paesi, provocando la morte di 4.281 persone. È il bilancio tracciato dall'Afp sulla base di fonti ufficiali e aggiornato stamattina alle 10. La Cina (senza Hong Kong e Macao), conta 80.778 casi, tra cui 3.158 morti e 61.475 persone guarite. In altre parti del mondo sono 37.776 i casi, inclusi 1.123 decessi. I paesi più colpiti dopo la Cina sono l'Italia (10.149 casi, 631 decessi), l'Iran (8.042 casi, 291 decessi), la Corea del Sud (7.755 casi, 54 decessi), e la Francia (1.784 casi, 33 morti).

Ore 11.20 Messina prima città in blocco totale Il sindaco di Messina Cateno De Luca ha annunciato un'ordinanza con la quale vieta a tutti di uscire dalle proprie abitazioni. «Sarà prevista - dice - la chiusura di tutte le attività, pubbliche e private, sino al 3 aprile. Resteranno aperte solo le attività per l'approvvigionamento dei generi di prima necessità. Ci sarà un piano per il controllo del territorio. La situazione necessita di prese di posizione decise, per qualcuno impopolari. Chi vuole è libero di impugnarle prendendosi le consequenziali responsabilità».

Ore 10.40 Cinque persone ricoverate a Palermo Sono cinque i pazienti ricoverati presso il reparto di Malattie infettive dell'ospedale Cervello risultati positivi ai test per il Coronavirus. Si tratta di due donne e tre uomini. Fra questi la donna proveniente dal bergamasco che è in buone condizioni di salute.

Ore 10.16 Primo morto in Belgio I ministri della salute del governo federale e della Regione di Bruxelles hanno annunciato il primo decesso in Belgio legato al coronavirus. Si tratta di una persona di 90 anni.

Ore 10.15 Fontana: calo di contagi nella zona rossa «Nella cosiddetta zona rossa, nella zona di partenza del focolaio, la zona intorno a Lodi, dove sono stati presi provvedimenti molto rigorosi, lì i numeri si sono abbassati e si stanno abbassando. La parabola di crescita lì si è invertita. Misure molto rigorose consentono di interrompere il diffondersi della malattia». Lo dice Attilio Fontana, presidente Regione Lombardia a Rai Radio1 all'interno di Centocittà. Un commento anche sui posti letto di terapia intensiva in Lombardia: «Siamo vicini all'esaurimento delle nostre risorse. Stiamo facendo miracoli nell'aver recuperato più di 200 posti in terapia intensiva in una settimana e mezza. Dovremmo mettere a disposizione altri 100 posti in terapia intensiva nei prossimi giorni. Abbiamo un progetto per creare 400 posti di terapia intensiva presso la fiera di Milano. Speriamo che la protezione civile ci mandi il personale e i macchinari che ci mancano. Però se non interveniamo invertendo la crescita non ce la faremo mai ad essere veloci quanto il virus», conclude.

Ore 9.53 Il Brennero aperto a traffico merci Il confine con l'Italia resta aperto al traffico merci e ai frontalieri. Camionisti e lavoratori saranno sottoposti al termoscan. Lo prevedono i decreti, firmati la scorsa notte a Vienna, come apprende l'ANSA. 

Ore 9.30 ​La Cina riparte: riaprono attività a Wuhan Le attività «di grande significato per la produzione della catena industriale nazionale e globale» di Wuhan, il focolaio dell'epidemia di coronavirus in Cina, potranno ripartire dopo che saranno state attuate le misure di prevenzione e rilasciate le relative autorizzazioni. Lo ha annunciato il governo dell'Hubei, di cui Wuhan è il capoluogo, in un avviso secondo cui le attività «non coinvolte nei settori essenziali come utility e produzione agricola», non potranno ripartire almeno fino al 21 marzo«.

Ore 9.15 Nadine Dorries, sottosegretaria del governo britannico alla Salute e membro del parlamento di Londra, è risultata positiva al test del coronavirus. La conferma è arrivata dal Ministero.

Ore 9.00 Positivi tra staff Commissione europea Primi quattro casi positivi al Coronavirus tra lo staff della Commissione europea, più un collaboratore esterno. La Commissione stessa lo ha fatto sapere a tutti i suoi dipendenti questa mattina attraverso una mail che indicava come anche altri tre sono in attesa del test. Ultimo aggiornamento: 23:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA