Coronavirus, a Bologna una 23enne ancora positiva dopo 55 giorni: «Ormai ci rido su»

Mercoledì 22 Aprile 2020
Coronavirus, a Bologna una 23enne ancora positiva dopo 55 giorni: «Ormai ci rido su»

Un caso che i medici hanno già definito «quasi unico», quello di una 23enne ricoverata nel reparto di Malattie infettive dell'ospedale Sant'Orsola di Bologna e ancora positiva al coronavirus dopo ben 55 giorni. La giovane, ricoverata dal 28 febbraio scorso, il 16 aprile era stata sottoposta all'ultimo tampone, che per l'ennesima volta aveva accertato la sua positività.

Leggi anche > Coronavirus, l'Iss: «Tracce di Covid-19 nelle fognature di alcune città italiane». Nuovi studi in vista della fase 2

A raccontare la vicenda della ragazza è Il Resto del Carlino, che ha interpellato sia i medici che l'hanno seguita, sia la diretta interessata. Luciano Attard, medico infettivologo del Sant'Orsola, ha spiegato: «Già quattro giorni dopo l'arrivo in reparto, la paziente stava bene, eppure i tamponi sono sempre risultati positivi. Stiamo studiando attentamente questo caso, a quanto ci risulta nessuno in Italia è rimasto positivo così a lungo. Di solito il tempo massimo di positività è di quattro settimane».

Anche la stessa 23enne ha parlato del proprio caso: «All'inizio ho avuto solo sintomi lievi, mi avevano ricoverato a scopo precauzionale, senza terapie specifiche, poi sono stata meglio e sono stata anche dimessa. Mi sento molto bene, mi sono anche allenata in questi giorni, eppure il tampone dice che sono ancora positiva. Sono diventata un caso nazionale? Ormai ci rido su, spero solo di essere sottoposta ad esami del sangue più approfonditi, come quelli sierologici».

Ultimo aggiornamento: 16:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA