Coppia bloccata in India, l'incubo verso la fine: domani il rientro in Italia con un volo sanitario

Venerdì 7 Maggio 2021
Coppia bloccata in India, l'incubo verso la fine: domani il rientro in Italia con un volo sanitario

Coppia italiana bloccata in India, la fine dell'incubo è vicina. Un volo sanitario partirà oggi da Norimberga con destinazione New Delhi per riportare in Italia Simonetta Filippini, la donna bloccata da oltre una settimana in India con il marito e la bambina che la coppia ha adottato: la donna era risultata positiva al Covid al tampone di controllo prima di rientrare nel nostro Paese e da qualche giorno aveva chiesto aiuto alle autorità per poter tornare ed evitare un eventuale ricovero in India, dove la situazione della pandemia è drammatica con centinaia di migliaia di nuovi casi ogni giorno.

 

Il volo atterrerà all'aeroporto di Pisa domani sera alle 20.45: Simonetta e il marito, che vivono a Campi Bisenzio (Firenze), erano andati in India per adottare una bambina. L'avvocata Elena Rondelli che assiste da Prato la famiglia ha ricevuto ieri sera il piano volo e l'ultima autorizzazione necessaria da parte del ministero della Salute italiano per fare entrare la signora in Italia, nonostante sia ancora positiva. Il volo, secondo quanto spiegato, partirà oggi da Norimberga con destinazione New Delhi, farà una pausa di 12 ore obbligatoria per i piloti e poi ripartirà con a bordo la famiglia con destinazione Pisa. Simonetta sarà poi trasferita all'ospedale fiorentino di Careggi.

 

 

«Ieri sera ho ottenuto tutti gli ok - dice l'avvocata - c'è stata grande collaborazione: il console che è stato sempre presente mandandomi anche i preventivi delle compagnie aeree, la Regione Toscana che ha subito organizzato l'accoglienza a Careggi e il ministero della Salute che ha autorizzato il rimpatrio». A bordo del volo ci sarà un medico e un paramedico, che sono già in contatto con il personale sanitario dell'ospedale di New Delhi per avere aggiornamenti sullo stato di salute della signora. «Simonetta ha la broncopolmonite bilaterale, ma non ha l'ossigeno - spiega ancora il legale - era importante portarla a casa prima di un eventuale aggravamento. Mi hanno spiegato che se ci fossero problemi durante il volo, l'aereo può scendere di quota per una questione di ossigenazione». 

Ultimo aggiornamento: 8 Maggio, 18:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA