Contromano sull'A1 per 8 chilometri, Gennaro, Vittorio e Pietro: chi sono le vittime. A causare l'incidente un 67enne

I vigili del fuoco hanno dovuto farsi largo tra le lamiere contorte per poter estrarre i corpi

Domenica 6 Marzo 2022

Sono stati identificati dalla Polizia Stradale i tre uomini morti ieri sera in seguito al grave incidente avvenuto sull'autostrada A1 Milano-Napoli nel tratto casertano compreso tra Capua e Santa Maria Capua Vetere: si tratta del 67enne Gennaro Casafredda, di Sant'Egidio del Monte Albino (Salerno), colui che era alla guida della Fiat 500XL che ha imboccato contromano l'autostrada e ha scatenato l'incidente, e i fratelli Vittorio e Pietro Verone di 77 e 73 anni, di Castellammare di Stabia, che viaggiavano su una Ford Mondeo. Altre due persone che erano sulla terza auto, una Range Rover, sono rimasti feriti gravemente.

 

Roma, tragedia sulla tangenziale: auto precipita da una sopraelevata. Morto un uomo di 43 anni

 

L’auto ha viaggiato contromano per otto chilometri lungo la corsia sud dell’A1 provocando una vera e propria strage. Il conducente della Fiat 500 XL ha imboccato nel senso contrario dal casello di Santa Maria Capua Vetere la corsia sud, in direzione Roma e nonostante le segnalazioni da parte dei tanti automobilisti, ha proseguito nella folle corsa fino a quando, stando alle prime informazioni, non è stato bloccato da due fratelli di Castellamare di Stabia, di 77 e 73 anni, che viaggiavano a bordo di una Ford Mondeo e che stavano facendo ritorno a casa dopo aver trascorso la giornata a Castel di Sangro, in provincia de L’Aquila dove hanno delle proprietà. Ma non è tutto. Nella carambola impazzita, le vetture ferme in corsia di sorpasso ed i rispettivi occupanti sono stati falciati da un Range Rover Discovery condotto da un istruttore di tiro della Polizia di Stato di origini pugliesi. Un impatto violentissimo, avvenuto all’altezza del km 722 in territorio di Capua, che ha stroncato sul colpo la vita dei due sfortunati fratelli di Castellammare e del conducente dell’utilitaria fuori controllo.

 

I vigili del fuoco hanno dovuto farsi largo tra le lamiere contorte per poter estrarre i corpi dei due feriti e delle vittime. Ad essere trasferiti in codice rosso presso il “Santa Scolastica” di Cassino sono stati gli occupanti del Range Rover Discovery che stavano facendo ritorno a casa, in provincia di Bari. «Siamo scesi dall’auto per capire come mai eravamo tutti in fila quando in lontananza abbiamo visto una scena raccapricciante - spiega una coppia di Cassino che insieme ad altre decine di automobilisti è rimasta bloccata in autostrada fino a tarda sera -.

Ultimo aggiornamento: 14:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA