Budelli, i turisti restituiscono la sabbia rosa rubata 50 anni fa: «Ci siamo pentiti»

Lunedì 14 Settembre 2020
Budelli, i turisti restituiscono la sabbia rosa rubata 50 anni fa: «Ci siamo pentiti»

Un'attrazione naturale senza pari, unica al mondo, capace di richiamare turisti da tutto il mondo. Si tratta della caratteristica sabbia rosa dell'isola di Budelli, in Sardegna, una risorsa tanto suggestiva quanto limitata di un paesaggio unico al mondo. Anche per questo, da diverso tempo sono in vigore regole restrittive e controlli che impediscono ai turisti di portare via la sabbia, come accaduto largamente in passato.

Leggi anche > Trova un diamante di 6 carati: Alessandra, 23 anni, lo restituisce. «Lo avrebbe fatto chiunque»

Fortunatamente, può capitare che alcuni turisti si pentano di aver trafugato quella risorsa naturale. Anche se sono passati rispettivamente 30 e 50 anni, come racconta la pagina Facebook del Parco Nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena, a cui appartiene l'isola di Budelli.

«Ci ha contattato un turista che 30 anni fa aveva prelevato un vasetto di sabbia rosa e avrebbe voluto restituirlo. Lo abbiamo accompagnato a Budelli e la sabbia è potuta tornare al suo luogo di origine. Proprio ieri è arrivato un altro pacco, spedito da un altro turista che aveva prelevato la sabbia rosa addirittura 50 anni fa» - si legge nel post - «Provvederemo presto a restituire anche questi preziosi granelli di sabbia alla spiaggia rosa. Ringraziamo entrambi i signori per essersi pentiti e aver compreso che la sabbia non è un souvenir per abbellire le nostre case e aver voluto rimediare al gesto commesso».

Purtroppo, i casi di turisti 'ravveduti' sono davvero pochi rispetto al depredamento che si è visto nei decenni scorsi. Ad ogni modo, il Parco Nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena ha ringraziato i due turisti 'pentiti' e chiuso il post con una citazione di Paulo Coelho: «Le piccole cose sono responsabili dei grandi cambiamenti».


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA