Brindisi, uccide la madre a coltellate dopo un litigio. Arrestato un 23enne

Giovedì 19 Marzo 2020 di Mariateresa LANZILLOTTI
SAN VITO - Uccide a coltellate la madre e poi tentata la fuga.  Appena 23 anni lui, 51 la vittima.  Tragica notte di follia a San Vito dei Normanni, dove i carabinieri della locale Stazione e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia hanno arrestato, per omicidio aggravato, l'aggressore, Andrea Asciano. Per la donna, Rossella Cavaliere, vani sono stati i soccorsi, è accaduto poco dopo le 2.  A lanciare l'allarme alcuni vicini, preoccupati per le urla provenienti dall’abitazione, in via Vittime del lavoro, alla periferia del paese.

Giunti sul posto, i carabinieri hanno individuato e bloccato il giovane nei pressi del portone d’ingresso del palazzo, individuando sul muretto a secco limitrofo, il coltello a serramanico che lo stesso aveva utilizzato poco prima per colpire a morte la madre, con 5 fendenti al torace, a seguito di un litigio scaturito per futili motivi. A quanto sembra il ragazzo nel cuore della notte si sarebbe alzato dal letto impugnando il coltello che teneva già in camera e dopo aver raggiunto la madre nel corridoio, l’avrebbe colpita mortalmente, allontanandosi poi dall’abitazione.

L’arma del delitto è stata sottoposta a sequestro; sul posto sono accorsi il personale del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Brindisi per i rilievi del caso. Disposto l’esame autoptico. Il giovane, dopo le formalità di rito, è stato acompagnato presso la Casa Circondariale di Brindisi. Ultimo aggiornamento: 10:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA