Bologna zona rossa da giovedì al 21 marzo. Merola: «Chiusi anche nidi e scuole d'infanzia»

Martedì 2 Marzo 2021
Covid, Bologna entra in zona rossa a partire da giovedì. L'annuncio del sindaco

Bologna diventa zona rossa a causa dei contagi da Covid: lo ha affermato il sindaco Virginio Merola, dopo la decisione unanime dei sindaci, condivisa dalla Regione che a breve firmerà l'ordinanza. Chiusi anche i nidi e le scuole d'infanzia, oltre alle attività commerciali non essenziali. Il Provvedimento entrerà in vigore da giovedì 4 marzo e sarà valido fino al 21 dello stesso mese. Resteranno perciò chiusi asili e negozi non essenziali.

 

Covid, il bollettino di oggi in Italia: morti e contagi

 

La dichiarazione

 

«A nome dei sindaci di tutta la Città metropolitana di Bologna - ha detto Merola - chiedo al Governo di accelerare il piano di vaccinazione in tutti i modi possibili e di prevedere adeguate integrazioni economiche per le attività coinvolte dal provvedimento di zona rossa che adotterà la nostra Regione, così come i congedi parentali anche retroattivi per i genitori». La stretta sulla città arriva infatti dopo che l'incidenza dei casi - nell'ultima settimana di febbraio - ha superato quota 400 casi, con 13 Comuni sopra i 500 casi e la media del distretto Appennino di 584: preoccupante anche la situazione del territorio di Imola.

 

 

Boom dei contagi

 

Il boom di contagi da coronavirus aveva messo da qualche tempo in allarme le autorità regionali, che in questo periodo hanno raggiunto un vero e proprio picco mai raggiunto finora. Infatti, «ieri abbiamo registrato, in termini assoluti, il nostro valore massimo di nuovi casi di positività al coronavirus». Un peggioramento della curva epidemiologica che «si è manifestato, con forte violenza, l'impatto sulla nostra rete ospedaliera. Il trend di crescita, che fino a due settimane fa vedeva poco più di 500 persone ricoverate, un dato già importante, adesso supera le 900 persone. Sono stati oltre 200 i ricoveri nell'ultimo fine settimana, sono numeri che non abbiamo mai visto». A dirlo è il direttore generale dell'Azienda Usl di Bologna Paolo Bordon che, ai microfoni di Trc tv, ha fatto il punto sull'andamento dei contagi nel territorio bolognese. Mentre sono in corso vertici per valutare l'ingresso in zona rossa della Città Metropolitana di Bologna, Bordon prosegue: «Abbiamo toccato un record dal punto di vista della presenza di malati Covid nella rete dei nostri ospedali, ma soprattutto la velocità con cui si sta realizzando questo fenomeno è una velocità che non era sicuramente quella della seconda ondata, in cui abbiamo avuto una crescita abbastanza costante e non avevamo visto più di 800 persone ricoverate»

Ultimo aggiornamento: 17:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA