Bimba di tre anni annegata in piscina, il custode dellla villa a Chi l'ha Visto: «Non poteva arrivare da sola»

Mercoledì 13 Maggio 2020 di Silvia Natella
Bimba di tre anni annegata in piscina, il custode dellla villa a Chi l'ha Visto: «Non poteva arrivare da sola»

A Chi l'ha Visto? l'appello a chiunque abbia visto qualcosa nella frazione Capodacqua di Foligno dove ieri è morta la bambina di tre anni che si era allontanata da casa. La piccola è annegata in una piscina, ma in molti non credono che abbia potuto raggiungere da il sola il luogo in cui è stata rinvenuta. Domani dovrebbe essere eseguita l'autopsia, che potrà spiegare l'orario e le cause della morte.

Leggi anche > Calciatore turco soffoca il figlio di 5 anni affetto da coronavirus: «Non l'ho mai amato»
 

 

L'inviata del programma di Rai Tre sottolinea come tutti nel perugino siano increduli. Per molti, infatti, non è possibile che una bambina di tre anni abbia percorso quei sentieri ripidi per due o tre chilometri. Quel che è certo è che la bambina non ha percorso strade asfaltate. A parlare è il custode della villa dove Greta è stata trovata senza vita: «Non può essere arrivata qua da sola». Gli inquirenti stanno indagando sulle dinamiche.

La morte della piccola ha riportato alla memoria la vicenda del mostro di Foligno, l’arresto - 27 anni fa - di Luigi Chiatti, autore delle uccisioni di Simone Allegretti, 4 anni, ucciso il 6 ottobre del 1992 e di Lorenzo Paolucci, 13 anni, ucciso il 7 agosto del 1993 a Casale, un’altra piccola frazione sulla montagna folignate. Chiatti condannato per il duplice omicidio e giudicato semi infermo di mente ha finito di scontare la sua pena nel 2015 ed è ora ospite di una struttura sanitaria di sicurezza.

Ultimo aggiornamento: 22:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA