Mamma e figlio con la Sla trovati morti in casa: lei stroncata da un malore mentre lo sollevava

Martedì 2 Luglio 2019
Mamma e figlio con la Sla trovati morti in casa: lei lo accudiva, stroncata da un malore

Un uomo di 44 anni, Thomas Arrigoni, è morto in provincia di Bergamo insieme alla mamma, Felicita Eugenia Carminati, 71 anni. Una tragedia avvenuta a Terno d’Isola: madre e figlio disabile sono stati trovati in casa senza vita.

Traghetto Grimaldi fermo in mare per ore: «Se fossimo stati migranti ci avrebbero aiutati»

Secondo la prima ricostruzione, la donna - che accudiva il figlio affetto da SLA - avrebbe avuto un malore mentre stava facendo alzare Thomas dal letto con un sollevatore: sospeso troppo a lungo in una posizione per lui anomala, il 44enne non è sopravvissuto, così come la madre. Entrambi sono stati trovati morti solo questa mattina dai vigili del fuoco: pare comunque che la morte risalga ai giorni scorsi.

RESPIRATORE AVEVA 8 ORE AUTONOMIA Il respiratore aveva una autonomia di 8 ore: già ieri pomeriggio il fisioterapista di Arrigoni aveva suonato al citofono, senza ottenere risposta, ma non si era allarmato, perché già altre volte gli era capitato di non trovare madre e figlio a casa. Così era ritornato questa mattina ma, non ottenendo di nuovo risposta, ha scavalcato il cancello dell'abitazione e ha visto i corpi attraverso una finestra lasciata parzialmente aperta, dando l'allarme. Vani i soccorsi del 118 per entrambi, morti già da ore, si presume appunto fin da ieri. 

Ultimo aggiornamento: 17:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA