Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Benedetta Ciprian, morta a 25 anni nell'auto squarciata dal guardrail: a processo due addetti stradali

Il processo dopo l'incidente mortale avvenuto nel Padovano

Benedetta, morta a 25 anni nell'auto squarciata dal guardrail
Benedetta, morta a 25 anni nell'auto squarciata dal guardrail
2 Minuti di Lettura
Domenica 28 Novembre 2021, 16:33 - Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 15:25

In due sono finiti davanti al Gup di Padova, Domenica Gambardella, accusati di omicidio colposo, per la morte della giovane commessa di appena 25 anni Benedetta Ciprian. La ragazza, il 21 luglio del 2020, è uscita di strada al volante della sua auto schiantandosi contro una staccionata in legno.

È deceduta sul colpo perché infilzata da uno dei bracci in legno della barriera. Infilzata dalla staccionata: in due nei guai. Benedetta Ciprian, 25enne di Bassano, mentre era di rientro da una serata con amici. Viaggiava a bordo della sua auto, ma una banale uscita di strada le ha provocato la morte: Benedetta è stata trafitta dal guardrail.

Per il pm sarebbe stata la condotta negligente di due dipendenti dell’Unione dei Comuni di Brenta a provocarne la morte, perché tale condotta ha fatto sì che la protezione non rispettasse le garanzie di sicurezza.

Il guard rail, secondo le perizie effettuate, aveva un’anima di ferro e terminava a punta: è stato proprio questo ad uccidere Benedetta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA