Massacrata di botte in vacanza per aver accudito dei cuccioli randagi, arrestate quattro persone

Lunedì 6 Settembre 2021
Massacrata di botte in vacanza per aver accudito dei cuccioli randagi, arrestate quattro persone

A un mese di distanza, presi i responsabili dell'aggressione contro Beatrice Lucrezia Orlando. La ricercatrice e insegnante, 42 anni, era stata massacrata di botte per aver accudito dei cuccioli randagi di cane. I quattro arrestati sono due uomini e due donne della provincia di Napoli.

 

Leggi anche > Chiara, trovata morta in casa a 27 anni. Fermato un uomo, stava fuggendo in moto a Roma: ha confessato

 

L'aggressione era avvenuta all'inizio di agosto, a Tortora (Cosenza). Le accuse nei confronti degli indagati, due uomini B.G. e B.C. rispettivamente di anni 45 e 72 anni e due donne M.L. di 70 e S.A di 40 anni, sono di «tentata rapina e lesioni personali aggravate». Gli arresti sono stati fatti a San Giorgio a Cremano (Napoli), con il supporto dei militari della Compagnia di Torre del Greco, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Paola, Rosamaria Mesiti su richiesta della locale Procura.

 

Il provvedimento scaturisce da un'attività d'indagine che ha consentito di documentare l'aggressione violenta, in due fasi, ai danni della donna, una ricercatrice di origine potentina residente a Roma. Il primo episodio risale al 4 agosto scorso quando la donna, dopo aver accudito alcuni cuccioli di cani randagi avrebbe subito da parte degli indagati minacce di morte estese ai suoi familiari ed ai cagnolini che aveva appena curato e portato con sé per poterli successivamente affidare ad un'associazione di volontariato e il secondo accaduto il 6 agosto mentre la donna era in bici e che si sarebbe concretizzato con il tentativo da parte di una ragazza di sottrarle il telefono cellulare a cui si è aggiunta l'aggressione da parte di altri due uomini, uno dei quali, dopo averle detto «ora ti faccio vedere io» l'avrebbe colpita con pugni all'altezza dell'occhio sinistro. Un'aggressione brutale che, secondo quanto emerso dalle indagini svolte nell'immediatezza dai carabinieri di Praia a Mare, sarebbe proseguita con la vittima rovinata a terra e presa a pugni con varie lesioni come emerso dai referti ospedalieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA